Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Accordo sottoscritto dal conservatorio "Tomadini"

Attualità
24 aprile 2014

Udine e Mosca, collaborazione in musica

a cura della redazione
Previsti scambi di personale docente, ricercatori e studenti con l'Università Pedagogica della capitale russa.
CONDIVIDI
5107
Alcuni studenti del Conservatorio Tomadini (ph. uniud.it)
Attualità
24 aprile 2014 della redazione

Il professor Franco Calabretto, in qualità di vicedirettore del conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine e responsabile del “Coordinamento area rapporti internazionali e sistema regionale alta formazione” ha sottoscritto a Mosca un accordo della durata di tre anni un accordo della durata di tre anni con il presidente della Russian State Social University, professor Vasiliy Ivanovich Jukov.

Sulla base del documento il Conservatorio di Udine si impegna a offrire agli studenti dell’Università Pedagogica di Mosca la possibilità di svolgere un tirocinio passivo all’interno delle classi di materia caratterizzante e di partecipazione ai corsi di materie culturali e pedagogiche; l’Università di Pedagogia di Mosca offrirà agli studenti del Conservatorio di Udine la possibilità di assistere alle attività didattiche e artistiche dell’Università.

Gli obiettivi dell’accordo mireranno, alla luce della cooperazione nell’ambito delle comuni finalità rivolte alla mobilità accademica in seno all’attività didattica e di ricerca, allo scambio di personale docente, ricercatori e studenti, all’esecuzione congiunta di ricerca scientifica, didattica e artistica, all’aggiornamento degli insegnanti, alla compilazione e traduzione di sussidi didattici, all’organizzazione di simposi, seminari e riunioni e allo scambio di informazioni riguardanti le questioni inerenti la cooperazione.

L’accordo è stato siglato con il contributo del Convitto "Paolo Diacono" di Cividale del Friuli.

Commenti (0)
Comment