Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sostegno alla donazione di organi

Sport
14 aprile 2014

Calcio e solidarietà: Savognese promossa sul campo e fuori

a cura della redazione
Conquistata la Prima Categoria, dove giocherà con il logo AIDO sulla maglia
CONDIVIDI
5003
Un'immagine dell'incontro tra lo staff della Savognese e i rappresentanti AIDO
Sport
14 aprile 2014 della redazione

La Savognese calcio festeggia il suo ritorno in Prima categoria annunciando che nella prossima stagione calcistica scenderà in campo con il logo dell’AIDO (associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule) sulle proprie maglie.

L’annuncio è stato dato al termine dell’ultima partita di campionato in casa sabato scorso, presenti il sindaco di Savogna, Germano Cendou, che ha avuto parole di apprezzamento per l’attività dell’AIDO, Massimo Medves, Francesco Zufferli, e tutti i dirigenti e i giocatori della Savognese dinanzi ai volontari AIDO di Udine, Cividale e della Valli del Natisone.

Questi ultimi hanno consegnato alla squadra le magliette del Friul Tomorrow 2018 e le borse dell’AIDO annunciando che a breve si terrà una conviviale a San Daniele del Friuli con l’adesione di personaggi noti e testimonial del mondo dello sport, dopo quelle di Simone Scuffet e Giorgio Di Centa. In programma anche la festa per i 35 anni d’impegno provinciale e altre attività messe a punto a Latisana nel corso di un’affollata assemblea di donatori iscritto all’AIDO nel corso della quale la presidente regionale, Fiorella Bernabei, ha evidenziato “la crescita costante delle donazioni e delle iscrizioni all’AIDO” rimarcando che “la nostra è l’unica associazione che permette a chi si iscrive di automaticamente diventare donatore poiché viene inserito nel Sistema Informativo Trapianti”.

Dal canto suo il presidente provinciale, Salvatore Saccoia, ha ringraziato i dirigenti nazionali Daniela Mucignat e Daniele Damele per la costante opera di sensibilizzazione al dono attuata rilevando “la positività del messaggio sugli stili di vita e la ricerca scientifica contro i tumori”.

Commenti (0)
Comment