Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie al progetto Orientabus

Attualità
18 marzo 2014

Da Staranzano alla H-Farm

di Stefano Caso
Una sessantina di studenti dell'Isis Brignoli Einaudi Marconi in visita presso "l'incubatore umano" di Roncade.
CONDIVIDI
4634
Gli studenti in visita alla H-Farm
Attualità
18 marzo 2014 di Stefano Caso Image

Dopo il successo della prima visita, l’Orientabus è tornato all’H-Farm, stavolta portando una sessantina di studenti dell'Isis Brignoli Einaudi Marconi di Staranzano. “L’incubatore umano” (Human-Farm) che da oltre nove anni opera a livello internazionale, offrendo ai giovani la possibilità di realizzare le proprie idee imprenditoriali mediante la formazione di start-up, ha ospitato gli studenti isontini nella sua sede, nella campagna di Roncade.

La visita con l’Orientabus, organizzata nell’ambito delle attività di orientamento promosse dalla Provincia di Gorizia, ha permesso ai ragazzi di immergersi in un luogo denso di creatività. Un “campus” in cui i giovani possono condividere le loro idee, lavorare in gruppo, incontrare grossi nomi dell’imprenditoria internazionale e dare inizio alla loro azienda concretizzata con i finanziamenti della venture.

Ad accogliere gli studenti isontini, alcuni giovanissimi imprenditori di H-Farm (la cui età media è di 28 anni), che hanno presentato le attività dell’incubatore d’imprese, illustrando i servizi e nuove tecnologie nati dalle start up. Questi giovani imprenditori hanno ricordato che H-Farm riceve  quasi 1.200 idee  all’anno e una ventina vengono finanziate attraverso l’H-camp, un periodo di formazione della durata di tre mesi, durante il quale vengono fornite le basi legali, di economia e marketing per lo sviluppo di un’idea e viene fornito un budget d’avvio per le prime spese. Tutto ciò ha portato 325 persone ad essere occupate all’H-Farm (quasi venti nuove leve al mese), alla creazione di 54 iniziative e 7 exit, imprese maturate che hanno lasciato la struttura e sono approdate sul mercato.

Inoltre, H-Farm si sta ampliando per creare un vero e proprio “campus”, restaurando nuovi casali per ospitare molti altri giovani imprenditori, per stimolare gli studenti a proporre idee innovative che interpretino al meglio le tecnologie disponibili attraverso nuovi corsi, come la scuola di computer grafica, BigRock, e il master Digital Accademia.

Gli studenti si sono entusiasmati per le molteplici opportunità che H-Farm offre, dagli stage alle accademie creative e alcuni di loro si sono prontamente proposti per partecipare all’H-ack, la maratona di programmazione, della durata di 24 ore, che avrà luogo da sabato 5 a domenica 6 aprile.

Una gara di idee, aperta a tutti e a cadenza mensile, organizzata chiamando in sede i nomi imprenditoriali più autorevoli, i quali proporranno un tema che i partecipanti dovranno sviluppare. Al termine dei lavori, dopo 24 ore, questi gruppi presenteranno il loro progetto alle imprese committenti e sarà eletto un vincitore che, oltre a premi tecnologici, avrà la possibilità di vedere realizzata la propria idea.

Attraverso fasi di lavoro creativo, divertimento e collaborazione, H-farm ha dunque l’obiettivo di mettere insieme aziende e persone, investendo prima di tutto sui giovani. Anche per questo motivo l’incubatore si apre alle scuole e alle università, per conoscere e condividere le possibilità per crescere e realizzare idee interessanti. Per informazioni: www.h-farmventures.com.

Commenti (0)
Comment