Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie al lavoro di Stefano Ricci e Jacopo Quadri

Cultura e Spettacolo
12 marzo 2014

La musicoterapia di Basaglia di nuovo ascoltabile

a cura della redazione
Grande attesa per la proiezione di "Eccoli", con il recupero delle sedute presso l'ospedale psichiatrico di Gorizia.
CONDIVIDI
4510
Un frame di "Eccoli" di Stefano Ricci
Cultura e Spettacolo
12 marzo 2014 della redazione

«A sette anni e fino a quando ho cominciato a vivere disegnando, ho passato molto tempo con i matti. L‘estate stavamo in una casa nelle Dolomiti, costruita da un piccolo gruppo di libertari che avevano conosciuto Franco Basaglia a Gorizia. Io non lo sapevo ancora, ma quello che stavamo facendo era la conseguenza di quello che Basaglia aveva immaginato e fatto: la chiusura dei manicomi, il ritorno dei matti nella comunità delle persone...».

È il ricordo di Stefano Ricci, disegnatore e fumettista, ma adesso anche filmmaker e autore del progetto “Eccoli” che racconta, con una pubblicazione e una produzione documentaria, il lavoro di Franco Basaglia negli anni pionieristici della sua direzione dell’Ospedale Psichiatrico di Gorizia. Filmati clinici e immagini completamente inedite di quegli anni sono alla base del progetto: « È il fondo di pellicole 16 mm girate da Giorgio Osbat all‘Ospedale Psichiatrico Provinciale di Gorizia durante la direzione di Franco Basaglia – spiega ancora Ricci –.  Sono frammenti, singole sequenze brevi, filmate durante le prime sedute di musicoterapia. Immagini per le quali era andato perduto il suono:  cosí, con l‘aiuto di Jacopo Quadri e Giacomo Piermatti, abbiamo lavorato su musica e montaggio per restituire identità e dimensione storica alle persone filmate, in un omaggio a Franco Basaglia e alla sua immaginazione politica, all’eredità che ci ha consegnato realizzando un progetto non solamente italiano e senza precedenti».

“Eccoli” è dunque una delle novità più attese di FilmForum Festival 2014, giunto alla sua 21^ edizione, in cartellone dal 2 all’11 aprile a Udine e Gorizia con nove giorni di proiezioni, incontri, convegni, workshop, pubblicazioni ed eventi intorno al cinema, dalle origini ai nuovi media. Sabato 5 aprile, al Kinemax di Gorizia alle 21, si leveranno i riflettori sulla prima assoluta della videoproduzione dedicata a Franco Basaglia: i materiali della Collezione Osbat Basaglia sono di proprietà della Mediateca Provinciale "Ugo Casiraghi", e sono stati acquistati dalla famiglia Osbat grazie a un contributo della Fondazione Carigo, quindi digitalizzati a Gorizia a cura del Laboratorio La Camera Ottica dell’Università di Udine, e infine selezionati nel montaggio di Jacopo Quadri, il noto montatore di ‘Sacro Gra’, spesso al fianco di registi come Bertolucci, Martone, Cipri’ e Maresco … Le musiche del contrabbassista Giacomo Piermatti  scandiranno le immagini. Come anticipato, l'evento sarà accompagnato dalla pubblicazione fotografica a cura di Stefano Ricci, edita MamiVerlag, nella quale i lettori ritroveranno le atmosfere di quei filmati clinici e l’esperienza di Basaglia a Gorizia, dal 1961 al 1968: il suo radicale lavoro di trasformazione istituzionale, i tentativi di attivare la  "comunità terapeutica" mutuata dall’intuizione di Maxwell Jones in Scozia, le nuove regole di organizzazione e di comunicazione, il rifiuto delle contenzioni fisiche e delle terapie di shock, le assemblee di reparto e plenarie, la vita comunitaria fatta anche di feste, gite, laboratori artistici nei quali finalmente cadeva la separazione coatta fra uomini e donne degenti.

La serata sarà seguita dal programma con musica dal vivo di Home Movies Afghanistan 1969: immagini inedite, girate alla fine degli anni Sessanta in Super8, da una giovane filmmaker, Anna Bavicchi.  La proiezione segna l'incontro tra Home Movies, Archivio Nazionale del Cinema di Famiglia e curatori della selezione filmica, e il musicista Renato Rinaldi, con l’assistenza di Roberto Fabrizio. Anna Bavicchi (Roma, 1944), è figlia di un dipendente del Ministero degli Esteri, Alessandro Bavicchi, console in vari Paesi, tra i quali l'Afghanistan, dove l’autrice ha vissuto per circa dieci anni dal 1963.

FilmForum Festival 2014, promosso dall’Università di Udine e diretto da Leonardo Quaresima per il coordinamento di Sara Martin e Federico Zecca, sarà dedicato quest’anno al tema At the borders of Film History, ovvero L’archeologia del cinema'. Info: www.filmforumfestival.it

Commenti (0)
Comment