Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sabato pomeriggio al Museo Revoltella

Cultura e Spettacolo
05 marzo 2014

Trieste, tecnologia digitale al servizio dei beni archeologici

di Rosanna Ferfoglia
Presentazione del modello virtuale del Pyramidion egizio.
CONDIVIDI
4376
Il pyramidion del Civico Museo di Storia ed Arte di Trieste soggetto del modello 3D
Cultura e Spettacolo
05 marzo 2014 di Rosanna Ferfoglia

Evento d'eccezione al Museo Revoltella, in occasione della Festa delle donne, sabato 8 marzo alle ore 16.45: saranno infatti presentate le fasi del processo di scansione e quello di post-produzione che hanno creato il modello 3D del pyramidion (punta di piramide con la raffigurazione del proprietario e dei tre aspetti del sole: al mattino sotto forma di scarabeo; alto nel cielo come falco; e alla sera nelle sembianze di uomo) della collezione egizia del Civico Museo di Storia ed Arte di Trieste, ottenuto con Scansione in 3D a luce strutturata offerto dalla società Idea prototipi s.r.l. con la consulenza di Arsenal s.r.l., entrambe con laboratorio in Area Science Park.

Il modello virtuale rappresenta per il Museo molteplici usi e vantaggi, dall'archiviazione digitale e duratura nel tempo del bene, che può essere visualizzato e riprodotto in solido con tecnologie attuali e future, all'utilizzo come valido strumento per la didattica e la fruizione museale grazie a una visualizzazione interattiva e stereoscopica. Con l’ausilio di una postazione con monitor 3D interattivo il visitatore può manipolare il bene virtuale vedendolo “solido” (stereos) - fuori dello schermo - quasi un ologramma: così può avvicinarsi sensorialmente al bene, aumentando la sua attenzione e l’interesse, osservando il reperto anche nelle parti “nascoste” rispetto all’esposizione museale. Inoltre, ha una notevole valenza tecnica nel caso di ipotesi ricostruttive delle parti andate perdute e per creare copie toccabili ad uso dei diversamente vedenti per “leggerne” la forma, ma anche la decorazione, amplificando il rilievo o la depressione per la lettura al tatto delle immagini dipinte. E consente la realizzazione di copie in scala reale o ridotta per la vendita al pubblico.

I presenti potranno avere l’occasione di sperimentare la visione 3D multimediale presso il Museo Rivoltella alla fine della conferenza e domenica 9 marzo presso la Sala Egizia del Civico Museo di Storia ed Arte di via della Cattedrale 15.

Sempre sabato, infine, alle ore 17.30 seguirà la prima lezione del corso “La vita nell’antico Egitto” che avrà come oggetto le donne del Nilo.

Commenti (0)
Comment