Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al Kinemax da oggi al 7 aprile

Cultura e Spettacolo
03 marzo 2014

Cinema e donne, rassegna a Gorizia

di Margherita Reguitti
Ai nastri di partenza "Animamente": sei pellicole speciali per riflettere.
CONDIVIDI
4311
L'interno del Kinemax (ph. Kinemax)
Cultura e Spettacolo
03 marzo 2014 di Margherita Reguitti Image

A Gorizia le storie di donne nel cinema internazionale sono protagoniste della rassegna “Animamente”. L’edizione di quest’anno, organizzata dal centro antiviolenza Sos Rosa di Gorizia e Gradisca d’Isonzo, propone sei appuntamenti, ogni lunedì alle 17, dal 3 marzo al 7 aprile al Kimenax di piazza della Vittoria.

“Le pellicole scelte rappresentano generi diversi”, ricordano Bianca Ledri e Ida Di Dato di Sos Rosa. “Si spazia dal documentario alla commedia, con una forte presenza di lavori di impronta narrativa drammatica. La novità di questa edizione è l’aver scelto film nei quali le protagoniste sono capaci di segnare il cambiamento di mentalità attraverso il recupero e la valorizzazione di ideali e sogni”. Primo appuntamento questo pomeriggio con Aleksandrinke, testimonianze di una migrazione al femminile dalle terre isontine, friulane e slovene verso Alessandra d’Egitto all’inizio del ‘900.

Seguono il 10 marzo Dear Frankie, favola drammatica di rapporti fra genitori e figli in un gioco delle parti, e il 17 marzo La sorgente dell’amore, film francese ambientato in paesi islamici del nord Africa.

La piacevolezza di una commedia parigina è il fulcro della carrellata di ritratti femminili di  Le donne del 6° piano in calendario il 24 marzo, mentre Miral (31 marzo) narra la drammaticità della questione israelo-palestinese sullo sfondo di Gerusalemme in guerra, con al centro l’importanza del rispetto delle culture e dell’educazione delle giovani generazioni. La rassegna si concluderà il 7 aprile con Non uno di meno, spaccato sulla Cina rurale. Le proiezioni, a ingresso gratuito e aperte a tutti, saranno seguite da un dibattito condotto da esperti.

Commenti (0)
Comment