Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Un itinerario di stupore e bellezza

A Pordenone una mostra en plein air costruita su un percorso di valorizzazione turistica della città
28069
Pordenone

20/01 e fino al 31/03

“Un itinerario di stupore e bellezza” di Bruno Lucchi ( scultore contemporaneo di Levico Terme, noto a livello internazionale per le sue opere pubbliche in terracotta, bronzo, porcellana e recentemente anche in corten abbinato a refrattario o mosaico, in collaborazione con Pordenone Fiere) vede esposte 15 installazioni collocate in angoli suggestivi di Pordenone composte da una trentina di statue di grandi dimensioni andranno a costituire una mostra en plein air costruita su un percorso di valorizzazione turistica della città, collegando la Fiera, che ospita l’installazione ”madre” al centro urbano, passando per il Noncello. L’inaugurazione della mostra diffusa che sarà visitabile fino al 31 marzo è fissata per domenica 20 gennaio alle 11.45 nell’area della loggia del Municipio di Pordenone.
“Il turismo a Pordenone è un turismo sostenibile, in una città a misura di persona, da scoprire passeggiando in tranquillità – afferma Guglielmina Cucci assessora al turismo del Comune di Pordenone – . Questo allestimento diffuso dà modo alla cittadinanza di riscoprire e vedere in un’ottica diversa alcuni scorci della città, ai turisti di farsi guidare da un invisibile filo di Arianna, che inseguendo le opere, li porterà in giro per la città, per apprezzarne la storia attraverso i suoi palazzi e le piazze e il verde dei parchi. Queste grandi opere di Lucchi sono state esposte all’estero e in Italia in contesti di prestigio e particolare valore e dunque portano a Pordenone un ulteriore valore aggiunto”.

“Siamo molto orgogliosi – commenta Renato Pujatti, presidente di Pordenone Fiere – che il Comune di Pordenone abbia accettato la nostra proposta e ci abbia supportato nell’organizzazione dell’evento, cogliendone l’importante valenza per la città  confidiamo di aver contributo, ancora una volta, con un’iniziativa di alto spessore culturale e artistico, allo sviluppo sociale ed economico della città di Pordenone e del suo territorio”.