Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Città dell'autarchia e della cellulosa

18722
Torviscosa
piazzale Marinotti 1
CID
23/04/17
sabato 15-19, domenica 10-19 (a luglio e agosto sabato e domenica 16-21)

A conclusione del progetto europeo “Città dell’autarchia e della cellulosa”, che ha finanziato un ampio lavoro di recupero e valorizzazione del patrimonio storico documentario di Torviscosa, il CID Centro Informazione Documentazione riaprirà il 1 aprile con una nuova esposizione che presenta la storia di Torviscosa nei suoi aspetti storici, urbanistici e ambientali. Il percorso espositivo è stato elaborato soprattutto sulla base delle fonti primarie, cioè dei documenti dell'Archivio storico comunale, dell'Archivio dell'Azienda agricola Torvis, dell'Archivio storico SNIA, dell'Archivio Caffaro, aziende che hanno fatto la storia di Torviscosa e che ora ne conservano la memoria. “Tutte le aziende sono state molto più che disponibili nel mettere a disposizione il proprio patrimonio documentario per consentirci di realizzare questo lavoro – commenta il sindaco Roberto Fasan – dimostrando con questo una notevole e ammirevole sensibilità culturale”.

Una parte rilevante dell''esposizione è dedicata alla storia dello sviluppo urbanistico del paese, riassunta attraverso piani regolatori, progetti e planimetrie conservati in numerosi archivi locali e nazionali. La ricerca storica si è allargata in realtà anche ad archivi esteri, dove sono stati ritrovati in particolare alcuni documenti riguardanti la figura di Franco Marinotti, il poliedrico presidente della SNIA che ha dato origine all'impresa di Torviscosa.

Raccontare la storia di Torviscosa non può prescindere da un'introduzione al contesto storico degli anni Trenta e soprattutto di alcuni temi che hanno caratterizzato quel periodo e che sono stati alla base anche della nascita della città industriale della Bassa friulana: le bonifiche, la “battaglia del grano”, l'autarchia. Torviscosa nasce infatti per volontà della SNIA Viscosa proprio con l'intento di rispondere alla politica economica inaugurata dal regime fascista con una produzione di cellulosa ricavata da una materia prima nazionale: la canna gentile. Torviscosa viene così battezzata in un primo tempo la “città dell'autarchia”, per diventare in seguito la “città della cellulosa”, “definizione magari più prosaica, ma senza dubbio più realistica - racconta l'assessore alla Cultura Mareno Settimo, che ha concepito il progetto proposto all'Unione europea nelle sue linee fondamentali e soprattutto ne ha poi seguito in prima persona lo sviluppo. Continua Settimo: “nei documenti ritrovati e inventariati in questi anni di lavoro emerge chiaramente che la produzione di cellulosa a partire dalla canna gentile si era dimostrata fin da subito poco vantaggiosa. Questo iniziale insuccesso ha obbligato però la SNIA Viscosa a ricercare un'alternativa e sono state proprio queste ricerche a far diventare la società una delle maggiori imprese nel settore dei tessili artificiali a livello internazionale e Torviscosa una delle sue eccellenze”.

Il progetto europeo si è concluso, ma per il prossimo futuro il Comune di Torviscosa ha già in cantiere altre iniziative. “Vorremmo proseguire il lavoro di documentazione con una raccolta di testimonianze orali – spiega il sindaco –. Il progetto europeo aveva come oggetto gli archivi storici, ma ora dobbiamo occuparci anche della salvaguardia dei ricordi e dei racconti personali di quanti hanno vissuto e lavorato a Torviscosa”.