Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Vico Supan 1917-2017

22748
Cividale del Friuli

Chiesa di Santa Maria dei Battuti
14/01/18
10-13/15-19

In occasione dei cento anni dalla nascita di Vico Supan, dopo una prima presentazione in ottobre effettuata a Udine, approdano a Cividale del Friuli cinquanta sue opere: la Chiesa di Santa Maria dei Battuti ospiterà la retrospettiva per quattro settimane.

Supan, di origine austriaca, arrivò a Udine il 25 aprile del 1945 reduce dalla battaglia di Cassino nella quale aveva combattuto con le truppe alleate della 5^ Armata Americana contro la  Wehrmacht.  Fin dagli anni Cinquanta fu uno degli animatori della vita artistica friulana e, insieme ad altri colleghi, fondò il Centro Friulano Arti Plastiche. Aveva iniziato a dipingere in giovane età,  migliorando sempre la sua tecnica ed elaborando un linguaggio personalissimo sui vari soggetti trattati. Le sue opere furono oggetto d'interesse da parte di numerosi critici d'arte quali: Carlo Mutinelli, Arturo Manzano, Vittorio Marangone, Carlo Sgorlon, Licio Damiani, Roberto Bardissera, Vito Sutto e molti altri. Le sue sperimentazioni spaziavano dalle nature morte, al neorealismo friulano, al post-cubismo.  Ma la sua massima espressione artistica la troviamo nelle tele che vedono come soggetto il “suo” fiume: il Natisone. Ecco cosa scrisse Carlo Sgorlon di Supan e del suo Natisone: “ La pittura di Supan che ha per tema il Natisone costituisce ormai un vasto episodio artistico. Il fiume sembra essere diventato il suo universo, la sua mitologia, perfino la sua ideologia....un tema fondamentale, un polo attorno a cui ruotare, un luogo magico nel quale realizzare la sua personalità, e capace di catalizzare attorno a sé tutte le sue risorse pittoriche.”

“Saranno proprio le numerose opere dedicate al Natisone – spiega l’assessore alla cultura Angela Zappulla – a caratterizzare la rassegna cividalese che l’amministrazione comunale ha accolto e sostenuto con grande convinzione”.

La mostra contribuirà, inoltre, ad approfondire la pittura del Novecento friulano e il ruolo stesso di Supan in tale contesto. L'iniziativa, voluta e proposta dalla famiglia dell’artista, promossa dal Club UNESCO di Udine,  supportata dal Consiglio Regionale e dai  Comuni di Udine e Cividale, vede anche opere mai esposte al pubblico.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018 nelle giornate di sabato e domenica 10-13 e 15-19; inoltre 26 dicembre 10-13 e 15-19; 31 dicembre 10-13, 01 gennaio 15-19; chiusa il 25 dicembre.