Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Le opere di Michele Seffino in mostra a Cervignano

Il suono come evento nello spazio e fuori dal tempo tipico della musica
Ecstasy - Michele Seffino
Cervignano del Friuli
largo Bradaschia
Casa della Musica
28/09/22
18-21 ( e durante altre attività della sede)

Il titolo della mostra, Gently out of time, è una riflessione sulla natura del contemporaneo e sul modo in cui l’artista concepisce il suono come evento nello spazio e fuori dal tempo tipico della musica.

Geltly out of time è anche una possibile, laconica, descrizione della nostra condizione di fronte ai cambiamenti nella biosfera, perché forse siamo semplicemente già fuori tempo.

La mostra curata da Eva Comuzzi e Orietta Masin che si inaugura giovedì 15 settembre 2022 alle ore 18.30 alla Casa della Musica di Cervignano del Friuli presenta un corpus di opere realizzate negli ultimi quattro anni oltre ad alcuni lavori inediti sviluppati appositamente per l’occasione in molti dei quali il suono diviene il principale materiale da plasmare.

Il fil rouge che accomuna le opere proposte è il rapporto tra la natura e la tecnica - e l'umano in mezzo a loro. Umano che poi è l'unico elemento apparentemente latitante in queste opere. La riflessione generale si concentra, e vuole stimolare, un approccio attentivo rivolto alle forze, spesso invisibili, che scaturiscono dalla natura - suono, magnetismo, luce, moti ondulatori; alla nostra relazione con lo spazio che abitiamo e che costruiamo; alla biosfera come contesto in cui interagiscono diverse agentività.

Nella pratica di Michele Seffino i lavori sorgono quasi sempre dallo studio di testi teorici in ambito estetico, filosofico e scientifico. Nei lavori ‘ domestici’ assumono rilevanza la sferologia come teoria spaziale sviluppata da Peter Sloterdijk e la teoria dell'atmosfericità di Gernot Böhme. In altri lavori digitali l'ispirazione viene dallo studio di testi di entomologia sui comportamenti e l'organizzazione di alcune specie animali, spesso insetti, o saggi di botanica su vegetali quali funghi e miceli. Altre volte i principi alla base dei suoi lavori provengono da elementi di percezione e psicoacustica.
-------------------------------------------------------------------------
Michele Seffino (1991, Trieste) è un artista sonoro e visivo. Dopo aver studiato batteria e percussioni per oltre un decennio, si è diplomato in Musica e Nuove Tecnologie al Conservatorio di Trieste e specializzato in Computer Music presso l’Institute of Electronic Music and Acoustics di Graz (Austria). Seffino si occupa
principalmente di arte sonora, arte pubblica e time-based art attraverso la creazione di installazioni sonore, cinetiche e multimediali. La sua pratica artistica e il suo maggiore interesse sono rivolti principalmente alla creazione e alla modellazione del suono inteso come evento che prende forma nello spazio, nonché allo sviluppo di una maggiore attenzione verso il suono in generale, dei paesaggi sonori naturali e artificiali in cui siamo costantemente immersi e da cui siamo inevitabilmente circondati. La sua ricerca artistica si articola prevalentemente attraverso due percorsi differenti: da una parte la progettazione di opere sonore e multimediali pensate specificamente per essere esperite all’interno di ambienti domestici; dall’altra, quasi all’opposto, la creazione di opere pubbliche che trovino posto all’aperto, in contesti urbani o naturali, in un tentativo di sintesi tra sound art e land art. Ha realizzato performance ed esposto opere in numerose mostre e festival in tutta Europa, tra cui ZKM (Karlsruhe), Forum Stadtpark (Graz), deSingel (Anversa), Diffrazioni Festival (Firenze),Paratissima (Torino), Klangmanifeste (Vienna), Mediterranea 19 Young Artists Biennale (San Marino), International Environmental Art Symposium (Estonia), Procida Capitale Italiana della Cultura 2022.