Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Christiane Rorato racconta il Friuli

A Cervignano la proiezione delle opere della regista francese
31312
Christiane Rorato
Cervignano del Friuli
via Marcuzzi
Cà Cjanaipa Store
17/10/19
19.30

Da Cà Cjanaipa Store di Cervignano del Friuli, in partnership con l’associazione Progetto Futuro, sono iniziate le proiezioni di 3 DVD dell'attrice e regista francese Christiane Rorato, nata a la Mure nell'Isère (Francia) ma da più di 20 anni "figlia adottiva" del Friuli Venezia Giulia grazie anche ai suoi antenati originari delle nostre terre.

“L'artista in questi tre lavori – commenta il presidente di Progetto Futuro, Luca Furios – ha voluto rendere il pubblico partecipe delle sue esperienze dirette con scorci di storia e usanze, a volte perdute, della vita friulana. Nel primo incontro è stato proiettato il documentario "Guerrieri della notte, sulle orme dei Benandanti" racconto che, partendo dalle suggestioni del libro di Carlo Ginzburg, si addentra nella realtà del Friuli con la sua peculiarità, la sua storia, la sua lingua e la sua cultura che ci porta alla scoperta di una delle tradizioni più sorprendenti e sconosciute; quella dei Benandanti.

Prossima in agenda, giovedì 10 ottobre, la proiezione de "La rugiada del tempo, i cantori di Cercivento",  la storia di un ragazzino che scoprendo un antico documento del 1761, riportò alla luce i canti in latino di 12 uomini che si perpetuavano nel tempo rievocando i primi tempi del Cristianesimo che si racconta siano legati al Patriarcato di Aquileia.

Il documentario verrà introdotto ‪alle 19.30 da Sandro Ciulla , consigliere di Progetto Futuro, e commentato direttamente da Christiane Rorato.

Concluderà questa trilogia la proiezione del ‪17 ottobre del documentario sui "Dimenticati della Transiberiana", a ricordo di quei lavoratori friulani la cui memoria si è persa nella gigantesca opera ferroviaria.

Da sinistra Ciulla, Furios e Rorato