Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Volti di Palmira ad Aquileia

Esposte importanti opere concesse in prestito da prestigiosi musei internazionali
19964
Il teatro, orchestra ed edificio scenico (© Elio Ciol)
Aquileia
via Roma
Museo Archeologico Nazionale
16/08/17
8.30-19.30

L’esposizione, a cura di Marta Novello e Cristiano Tiussi, nata dalla collaborazione tra la Fondazione Aquileia e il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia del quale fa parte il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, presenterà importanti opere concesse in prestito da prestigiosi musei internazionali fra i quali il Terra Sancta Museum di Gerusalemme, i Musei Vaticani e Capitolini , il Museo delle Civiltà-Collezioni di Arte Orientale “Giuseppe Tucci” e da collezioni private.

“Sia Palmira che Aquileia – rammentano Antonio Zanardi Landi e Cristiano Tiussi, presidente e direttore della Fondazione Aquileia – erano luoghi di tolleranza e fruttuosa convivenza tra culture e religioni diverse, oltre a esser testimoni che diciotto secoli fa il Mediterraneo costituiva un’unità integrata non solo dal punto di vista dei commerci, ma anche di quello della circolazione delle idee e dei canoni artistici e narrativi.”

L'esposizioni che resterà aperta fino al 3 ottobre, è la prima dedicata in Europa alla città dopo le distruzioni recentemente perpetrate.

Fra i materiali esposti maggiormente significativi dell’arte palmirena, i rilievi funerari rivestono un ruolo di grande importanza. L' universo femminile sarà rappresentato dal magnifico rilievo dal Museo Barracco che rappresenta cinque dame elegantemente vestite e acconciate, adorne di bracciali, fibulae, diademi, e anelli su tutte le parte delle dita.

Fra gli eventi collaterali dell'esposizione la mostra fotografica "Sguardi su Palmira – fotografie di Elio Ciol eseguite il 29 marzo 1996”, allestita nei nuovi spazi della Domus e Palazzo episcopale in piazza Capitolo e la proiezione di documentari.

Margherita Reguitti