Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Premio Musei Civici

Nell’ambito del sesto Trieste Photo Days
31483
Port, Francis Meslet, Silent Screams of Oblivion
Trieste

Museo Sartorio
22/11/19
10-17

Altre date

17/11/19 - Trieste
21/11/19 - Trieste
23/11/19 - Trieste
24/11/19 - Trieste
28/11/19 - Trieste
29/11/19 - Trieste
30/11/19 - Trieste
01/12/19 - Trieste
05/12/19 - Trieste
06/12/19 - Trieste
07/12/19 - Trieste
08/12/19 - Trieste
12/12/19 - Trieste
13/12/19 - Trieste
14/12/19 - Trieste
15/12/19 - Trieste
19/12/19 - Trieste
20/12/19 - Trieste
21/12/19 - Trieste
22/12/19 - Trieste
26/12/19 - Trieste
27/12/19 - Trieste
28/12/19 - Trieste
29/12/19 - Trieste
02/01/20 - Trieste
03/01/20 - Trieste
04/01/20 - Trieste
05/01/20 - Trieste

Il Servizio Musei e Biblioteche del Comune di Trieste, in collaborazione con l'Associazione dotART, per il secondo anno consecutivo, propone una serie di esposizioni/occasioni volte a indagare l’interazione tra la fotografia contemporanea e i luoghi museali.

Nell’ambito del sesto Trieste Photo Days - Festival di Fotografia Urbana, il rapporto tra i due soggetti si è ulteriormente consolidato, proponendo delle esposizioni in cui la fotografia storica della Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte dialoga con quella contemporanea, vagliata dall’art director del Festival Angelo Cucchetto e dal presidente dell’Associazione dotART, Stefano Ambroset.

Da una rosa suggerita dagli organizzatori del Festival, Laura Carlini Fanfogna, direttrice del Servizio Musei e Biblioteche insieme a Claudia Colecchia, ha selezionato i vincitori del Premio Musei Civici. Gli scatti dei fotografi prescelti sono esposti al Museo Sartorio, con ingresso libero, dal giovedì alla domenica, dalle 10.00 alle 17.00, fino al 6 gennaio 2020. Lorenza Resciniti, che ne è il conservatore, ha collaborato alla realizzazione dell’evento.

Nella villa triestina si propongono luoghi d’arte e d’industria che lentamente evaporano mentre nuovi mondi avanzano. L’olandese Roman Robroek racconta le nobili macerie di luoghi italici trascurati, a dispetto della presenza di affreschi o sculture. Il francese Francis Meslet descrive, con la curiosità di un bambino, una fabbrica abbandonata. Michele Andreossi propone i contrasti paesaggistici e umani di Dubai, mentre Maria Pansini indugia nella descrizione di Tarlabasi, il ghetto urbano della minoranza curda di Istanbul.