Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Premio Musei Civici

Mostra fotografica
36670
Thiery Romain - Requiem Pour Pianos
Trieste
Largo Papa Giovanni XXIII, 1
Civico Museo Sartorio
27/11/20
10-17

Altre date

26/11/20 - Trieste
28/11/20 - Trieste
29/11/20 - Trieste
03/12/20 - Trieste
04/12/20 - Trieste
05/12/20 - Trieste
06/12/20 - Trieste
10/12/20 - Trieste
11/12/20 - Trieste
12/12/20 - Trieste
13/12/20 - Trieste
17/12/20 - Trieste
18/12/20 - Trieste
19/12/20 - Trieste
20/12/20 - Trieste
24/12/20 - Trieste
25/12/20 - Trieste
26/12/20 - Trieste
27/12/20 - Trieste
31/12/20 - Trieste
01/01/21 - Trieste
02/01/21 - Trieste
03/01/21 - Trieste

Da venerdì 23 ottobre, presso il Civico Museo Sartorio in Largo Papa Giovanni XXIII, 1 sarà aperta al pubblico la mostra Premio Musei Civici fino al 6 gennaio 2021 con i seguenti orari: da giovedì a domenica, dalle ore 10 alle 17. Ingresso gratuito.

Il Servizio Musei e Biblioteche del Comune di Trieste, in collaborazione con l'Associazione dotART, per il terzo anno consecutivo, propone una serie di esposizioni/occasioni volte a indagare l’interazione tra la fotografia contemporanea e i luoghi museali.

Nell’ambito del settimo Trieste Photo Days - Festival di Fotografia Urbana, il rapporto tra i due soggetti si è ulteriormente consolidato, proponendo delle esposizioni in cui la fotografia storica della Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte dialoga con quella contemporanea, vagliata dall’art director del Festival Angelo Cucchetto e dal presidente dell’Associazione dotART, Stefano Ambroset.

Nell’ambito di una rosa suggerita dagli organizzatori del Festival, Laura Carlini Fanfogna, direttrice del Servizio Musei e Biblioteche insieme a Claudia Colecchia, ha selezionato i vincitori del Premio Musei Civici. Gli scatti dei fotografi prescelti sono esposti al Museo Sartorio: Lorenza Resciniti, che ne è il conservatore, ha collaborato alla realizzazione dell’evento. 

L’elegante villa triestina in cui la famiglia Sartorio era solita sfogliare i preziosi album di famiglia rinnova il suo legame con la fotografia e si cala nella contemporaneità attraverso gli scatti di Chiara Panariti & Gianfranco Ferraro che raccontano il sofferto lockdown milanese. Grazie ad Antonio Tartaglia affronta il problema dell’inquinamento del mare che, modellando i polimeri, trasforma i rifiuti abbandonati in interessanti opere d’arte, indugia sui volti delle Shebeen Queens, proprietarie dei bar della Namibia con gli scatti di Julia Runge, denuncia l’abbandono di edifici, un tempo lussuosi ed eleganti ed ora decadenti, in cui giacciono vecchi pianoforti a coda immortalati da Romain Thierry.

 

Si ricorda che, per consentire il rispetto delle norme di distanziamento stabilite in materia di contenimento del contagio da Coronavirus, l'accesso del pubblico al Civico Museo Sartorio è contingentato.