Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

PIÙ GIÙ

Nuovo progetto dell’immaginifico artista, disegnatore e grafico italiano
19186
Trieste
via del Monte 2/1
Studio Tommaseo
20/05/17
17-20

La nuova proposta espositiva di questo autore inizierà a Trieste con una performance artistico-musicale e la presentazione di due opere editoriali e si svolgerà, nel periodo di mostra, tra due incredibili serie di disegni, una recentissima, Mia madre si chiama Loredana, e una del tutto inedita, PIÙ GIÙ
Le illustrazioni e i testi nati da queste due ingenti produzioni di disegni saranno i veri protagonisti della mostra triestina, in un’originale rappresentazione della quotidianità attraverso il confronto tra arti visive e racconto.

Due ritratti della madre, uno realizzato dallo zio Callisto e l’altro da Ricci stesso danno il via alla narrazione a due tempi del racconto artistico in immagini e prosa Mia madre si chiama Loredana
Una storia di quotidianità che racconta la visita della madre nella casa dove Stefano vive, in Germania: le tavole con le immagini si alternano ai capitoli, in una concatenazione non ordinata che collega ricordi e sensazioni. I personaggi si muovono liberamente tra due temporalità, l’Italia del passato e la Germania di oggi. Comuni a questi due mondi sono le immagini di animali e paesaggi naturali che scandiscono, con il loro fiabesco apparire e scomparire, il ritmo evanescente della narrazione.

Questi disegni sono raccolti in uno splendido libro, edito lo scorso settembre da Quodlibet, che verrà proposto nella mostra triestina.
I disegni della serie PIÙ GIÙ sono una narrazione continua che crea sempre nuove relazioni tra personaggi, ricordi e destino. Stefano Ricci indaga infatti il loro “farsi segno” sotto una nuova luce, nell’idea di pensarli come come base di uno spettacolo – opera prima teatrale dell’artista – che debutterà in giugno nell’ambito della Triennale con il Teatro dell'Arte di Milano. Essi sono ora anche il contenuto di un nuovo libro, in questo momento alle stampe per Danilo Montanari Editore. Il volume verrà presentato in anteprima a Trieste.

In una sorta di pre-presentazione dello spettacolo, la performance prevista per l’apertura della mostra è una azione molto semplice, scarna, nella quale Stefano Ricci disegna sui libri ad un piccolo tavolino e chiama accanto a sé, alla batteria, il giovane musicista tunisino Ahmed Ben Nessib: “Ahmed suona la batteria straordinariamente, ma senza bacchette: con le mani… è un talento che ho conosciuto come studente iscritto al mio corso in Francia, perché è anche un bravissimo disegnatore”, ci dice Ricci stesso.

Una conversazione tra Stefano Ricci e Paola Bristot, una delle maggiori esperte italiane di fumetto e animazione, docente all’Accademia di Venezia, concluderà l’incontro di apertura, commentando anche le due opere editoriali. 
Stefano Ricci, nato nel 1966 a Bologna, vive ad Amburgo e Quilow. Dal 1986 collabora come disegnatore con la stampa periodica e l’editoria in Italia e all’estero. Si occupa prevalentemente di fumetto e film d’animazione e si dedica a progetti di ricerca che spaziano nei campi del cinema, della danza e del teatro. Firma progetti di immagine coordinata e di collane editoriali e dal 2003 al 2010 è stato direttore artistico diBianco e nero rivista del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Insegna disegno al D.A.M.S. Gorizia, all’Università delle Arti Applicate di Amburgo e all’École Européenne supérieure de l’image di Angouleme. Dirige, con Anke Feuchtenberger, la casa editrice Mami Verlag.
La mostra si inaugura sabato 6 maggio alle ore 18.30 allo Studio Tommaseo di Trieste (via del Monte 2/1) e resterà aperta fino al 23 maggio, visitabile dal martedì al sabato, dalle 17 alle 20.