Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

I colori dell'anima

Esposte le opere della pittrice Gabriella Pitacco Prestelli
32651
Luce autunnale, 40x60 cm
Trieste
piazza Vecchia 6
Galleria Rettori Tribbio
20/02/20
10-12.30, 17-19.30; domenica 10-12; venerdì pomeriggio chiuso

Sensibile colorista, fine interprete del vero, nelle opere di Gabriella Pitacco Prestelli puoi leggere una delicata sensibilità mescolata a tanta creatività, emozioni, ed al suo vissuto.

La pittrice è nata a Trieste, e si è dedicata all’arte con costante impegno solo dopo avere terminato il suo percorso lavorativo come docente. Artista poliedrica, ha approfondito le tecniche del disegno, della figura, del ritratto, utilizzando diverse tecniche: dal carboncino all’acquerello, acrilico e olio, grazie anche agli insegnamenti di Nino Perizi e Guido Porro. Per molti anni si è impegnata nella raffigurazione sacra delle icone, codificata da rigorose regole teologiche che ha approfondito con maestri di alto livello a Seriate, a Milano, a Maguzzano, a Padova e a Trento. Alla ricerca di nuovi stimoli che l’avvicinassero ulteriormente alla comprensione profonda dell’armonia cromatica, ha intensificato la sua preparazione sotto la guida del pittore Livio Možina.

La sua pittura è chiaramente descrittiva, sia quando vuole rendere il paesaggio sia quando vuole fermare sulla tela un mazzo di fiori; ma è proprio nei paesaggi, a mio avviso, che la pennellata diventa più disinvolta, pure se attenta alla forma, con un’eco di romantico impressionismo laddove i colori armonicamente si fondono, facendo emergere la sicurezza della tecnica ed il notevole impegno gestuale.

I suoi quadri sono di una semplicità priva di artifici, e danno l’impressione di affacciarsi da una finestra per ammirare il mare, i cieli, la natura fiorita di cui percepisci nettamente colori e fragranze.  L’artista porta in ciascuna opera quel calore, quella tranquillità, d’un dipingere puro che s’ammira sempre volentieri, e che diventa rifugio ed evasione dalla realtà che ci circonda.

Ha partecipato a numerose mostre collettive e personali a Trieste, Aquileia, Vicenza, Padova e Bolzano.

La mostra sarà inaugurata sabato 8 febbraio alle ore 18 e sarà introdotta sul piano critico da Gabriella Dipietro.