Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

εἶδος / εἴδωλον (Eidolon/eidos)

A Trieste le opere originali e analogiche di Roberto Kusterle
31658
Trieste
viale XX Settembre 33
Spazio d’arte trart
06/12/19
18-20

Inaugurerà giovedì 14 novembre alle 18 nello Spazio d’arte trart (viale XX Settembre, 33) la mostra personale di Roberto Kusterle, proposta nell’ambito del festival Fotografia Zero Pixel. L’esposizione εἶδος / εἴδωλον (Eidolon/eidos) raccoglie le opere originali e analogiche di Kusterle ripercorrendo il periodo tra gli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila, prima dell’approccio al digitale: sono scatti che denotato la capacità artistica, la tecnica e la padronanza del mezzo analogico del poliedrico fotografo isontino.

Riti del corpo, Anakros e Una mutazione silente sono i capitoli che accompagneranno il visitatore in un percorso onirico alla scoperta di questa esigua parte della vasta produzione fotografica di Kusterle. La mostra è curata da Federica Luser e Giacomo Frullani.

Kusterle si avvicina alle arti visive negli anni Settanta, dedicandosi inizialmente alla pittura e alla creazione di installazioni artistiche, per poi trovare negli anni Novanta lo strumento perfetto per esprimere le sue visioni: la fotografia. Il suo unico strumento di lavoro diventa quindi il mezzo fotografico, pur senza tralasciare l’importante bagaglio dei lavori pregressi, ma piuttosto combinandone i codici espressivi e producendo così delle immagini di altissimo impatto emotivo.

Attori immersi in ambienti immaginari ricostruiti nel paesaggio naturale del goriziano ci raccontano scene di vita sospese tra mitologia e sogno. Dall’unione tra corpi, animali, fiori e terre prendono vita storie e personaggi di fantasia, senza mai tralasciare lo stretto legame dell’artista con il contesto naturale che lo circonda e sempre con una velata ironia e critica sui temi più attuali. Lo scatto fotografico di Kusterle costituisce quindi solo una piccola parte di un lungo processo creativo che parte dall’ideazione della messa in scena alla creazione di costumi e materiali, per arrivare a una stampa magistrale dell’opera in camera oscura. Lunedì 9 dicembre alle 18, in occasione del finissage della mostra, sarà proposto un incontro con l’autore. La mostra sarà aperta dal martedì al sabato dalle 18 alle 20.