Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Dismantling structures

Gli ultimi lavori pittorici dell’artista croato
33001
Trieste

Studio Tommaseo
26/03/20
17-20
gratuito

Altre date

04/04/20 - Trieste
07/04/20 - Trieste
08/04/20 - Trieste
09/04/20 - Trieste
10/04/20 - Trieste
11/04/20 - Trieste
14/04/20 - Trieste
15/04/20 - Trieste

Trieste Contemporanea, in collaborazione con il Museum of Fine Arts di Spalato e la Galerija Kranjčar di Zagabria, presenta a Trieste una mostra personale di Željko Kipke, realizzata con il patrocinio del Consolato Generale della Repubblica di Croazia a Trieste. Questa prima esposizione italiana del progetto Dismantling Structures dell’artista croato è a cura di Branko Franceschi e inaugura il 22 febbraio alle 18 allo Studio Tommaseo, alla presenza dell’artista.

In questa mostra Kipke dipinge su tela e utilizza il suo tipico fondo monocromo: distorce le immagini delle architetture di Zagabria trattandole come se fossero carta straccia, sgualcibili e appallottolabili, facendo diventare gli edifici pressoché irriconoscibili.
Le ragioni di una forte domanda critica sul funzionamento degli apparati istituzionali di un paese in transizione sono trasferite anche in un corto sperimentale contenente un’animazione della mappa di Zagabria che segnala i luoghi in cui si trovano gli edifici selezionati.
Trieste è la seconda tappa di questo progetto di Kipke, che segue alla mostra dello scorso novembre curata dal critico Vanja Babić alla Galerija Kranjčar di Zagabria.

Željko Kipke (Čakovec 1953) è pittore e videomaker. Studia negli anni Settanta all’Accademia di Zagabria ed è agli inizi artista di punta nella pittura analitica e poi nel film sperimentale.
Nella prima metà degli anni ’80 realizza cortometraggi, documentando principalmente le sue azioni pubbliche. La sua intensa carriera artistica lo vede tra l’altro rappresentante della Croazia alla Biennale di Venezia nel 1993 (dove torna nell’edizione 2007 come commissario del padiglione del suo paese) e alla Biennale del Cairo nel 1995. Importante anche la sua attività di critico, saggista, curatore e scrittore.