Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

ANIMA~MALÌA~ANIMALIA

A Trieste esposte le opere di Gabriella Dipietro
29797
Trieste
piazza Vecchia 6
Galleria Rettori Tribbio
12/06/19
feriali 10-18.30, 17-19.30 (venerdì pomeriggio chiuso); domenica 10-12

Sabato 1° giugno alle 18 si inaugura alla Galleria Rettori Tribbio di Trieste (piazza Vecchia 6) la mostra intitolata “ANIMA~MALÌA~ANIMALIA” di Gabriella Dipietro.

Di padre siciliano e madre goriziana, la Dipietro vive e opera a Trieste. Inizia a dipingere a 12 anni grazie all’incontro con il pittore acquerellista Lido Dambrosi, Guido Porro, Claudio Cosmini, Paolo Cervi Kervischer e Livio Možina. Dagli anni ottanta ha partecipato a numerose rassegne collettive e allestito 6 esposizioni personali, alla Galleria Rettori Tribbio di Trieste, alla Galleria Farini di  Bologna, al Circolo fotografico triestino e presso la Questura di Trieste.

“Anima, Amore e Animali giungono alla mia psiche insieme, indistinguibili, un nodo che lega anima e bestia, desiderio e divinità, anima e animale”: con queste parole il noto psicoanalista svizzero Carl Jung ha voluto affermare che Animale deriva da Anima, il principio vitale dell’uomo.

In questa esposizione si avvicendano rappresentazioni di animali, raffigurazioni di un femminile delicato e intenso, e quelle di un genere umano dal lato oscuro narrato da dolorose storie di abusi fisici e psicologici a cui purtroppo la quotidianità vorrebbe farci assuefare. 

Ogni animale riprodotto rappresenta se stesso e pure uno stato d’animo: ecco quindi uscire dalle tele tigri, lupi, ma anche pettirossi e scoiattoli, alcuni incutono timore, altri tenerezza, divenendo archetipi dei pensieri e dell’immaginario umano  e, verosimilmente, svelando l’autobiografia dell’artista.

Una rassegna nel complesso pervasa da una forte coscienza sulla condizione femminile, e dove gli animali ammaliano con un’anima di cui spesso gli uomini sono privi.

Prolusione dell'artista e intervento musicale di Laura Zorzini.