Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

L’incanto del reale opere 1948-1998

22480
Pordenone
via Concordia 7
Galleria Sagittaria
07/12/17
16-19

Altre date

19/12/17 - Pordenone
20/12/17 - Pordenone
21/12/17 - Pordenone
22/12/17 - Pordenone
23/12/17 - Pordenone
24/12/17 - Pordenone
26/12/17 - Pordenone
27/12/17 - Pordenone
28/12/17 - Pordenone
29/12/17 - Pordenone
30/12/17 - Pordenone
31/12/17 - Pordenone
02/01/18 - Pordenone
03/01/18 - Pordenone
04/01/18 - Pordenone
05/01/18 - Pordenone
06/01/18 - Pordenone
07/01/18 - Pordenone
09/01/18 - Pordenone
10/01/18 - Pordenone
11/01/18 - Pordenone
12/01/18 - Pordenone
13/01/18 - Pordenone
14/01/18 - Pordenone
16/01/18 - Pordenone
17/01/18 - Pordenone
18/01/18 - Pordenone
19/01/18 - Pordenone
20/01/18 - Pordenone
21/01/18 - Pordenone
23/01/18 - Pordenone
24/01/18 - Pordenone
25/01/18 - Pordenone
26/01/18 - Pordenone
27/01/18 - Pordenone
28/01/18 - Pordenone
30/01/18 - Pordenone
31/01/18 - Pordenone
01/02/18 - Pordenone
02/02/18 - Pordenone
03/02/18 - Pordenone
04/02/18 - Pordenone
06/02/18 - Pordenone
07/02/18 - Pordenone
08/02/18 - Pordenone
09/02/18 - Pordenone
10/02/18 - Pordenone
11/02/18 - Pordenone
13/02/18 - Pordenone
14/02/18 - Pordenone
15/02/18 - Pordenone
16/02/18 - Pordenone
17/02/18 - Pordenone
18/02/18 - Pordenone
20/02/18 - Pordenone
21/02/18 - Pordenone
22/02/18 - Pordenone
23/02/18 - Pordenone
24/02/18 - Pordenone
25/02/18 - Pordenone

Fin dagli inizi l’attività espositiva della Galleria Sagittaria ha avuto, in prima istanza, l’intenzione di documentare al meglio quanto i più noti artisti della regione Friuli Venezia Giulia andavano realizzando, senza tuttavia trascurare i più giovani e coloro che, pur essendo nati qui e avendo qui mosso i loro primi e importanti passi, godevano già di una risonanza nazionale. Finché, al numero d’ordine quarantuno delle mostre realizzate dalla Galleria – e sono, a oggi, 447 – troviamo il nome di Renzo Tubaro. Aveva allora superato i quarant’anni, era un artista nel pieno della sua creatività, la mostra era incentrata soprattutto su una serie di splendidi disegni, ma non mancavano alcuni oli che davano comunque la misura dell’alta liricità che caratterizzava il suo lavoro pittorico, esercitatosi a lungo anche nell’impegno dell’affresco per numerose chiese della regione. Sono passati, da allora, quasi cinquant’anni, ed è con grandissima soddisfazione che sabato 25 novembre alle 17.30 con ingresso libero, il Centro Iniziative Culturali Pordenone e la Galleria Sagittaria presentano una nuova mostra di Renzo Tubaro: L’incanto del reale opere 1948-1998, a cura di Giancarlo Pauletto, Fulvio Dell’Agnese, Stefano Tubaro con il coordinamento di Maria Francesca Vassallo.

«Pubblicare molte opere inedite di un artista – dichiara il curatore Giancarlo Pauletto – già noto per l’altezza dei suoi risultati è utilissimo, non solo perché ciò non può che confermarne l’apprezzamento, ma anche in quanto permette confronti e integrazioni certamente importanti ad inciderne meglio la figura, riducendo quella dispersione di opere e dati, che inevitabilmente interviene con il passare del tempo.

Renzo Tubaro è nato a Codroipo nel 1925, è scomparso a Udine nel 2002. Ha frequentato l’Accademia di Venezia, avendo per maestro Guido Cadorin. Ha esposto più volte alla Quadriennale di Roma, alle Biennale di Arte Triveneta di Padova, Verona e Campione d’Italia, alle Trivenete delle Arti a Villa Simes e in molte altre collettive e personali. Sue opere sono alla Galleria d’Arte Moderna di Venezia, di Udine, al Castello Sforzesco di Milano e in varie altre collezioni pubbliche e private. Vasti cicli di affreschi si trovano in molte chiese del Friuli.

Per Tubaro dipingere era quasi un dovere morale. Vi è qualcosa di intimamente necessario nel suo tornare sui medesimi temi - oggetti, affetti, tempi, luoghi - in cui si fa chiaramente apprezzabile il magistrale esercizio di variazione di singoli timbri e toni, della “durata” di certe note di colore e del loro intreccio in un “soffice sincronismo”.

«La pittura di Tubaro – spiega il curatore Fulvio dell’Agnese – restituisce i tempi di una esplorazione condotta al ritmo stesso dell’esperienza, con naturalezza, ma progressivamente vissuta anche come una forma di autodisciplina, di riflessione sulla priorità di valori che nel flusso dei giorni bisogna pur individuare.

Lo sguardo di Tubaro non si spinge troppo lontano dagli spazi del suo mestiere: la famiglia, il paese, l’atelier… Sono ambiti anzitutto affettivi, dei quali tuttavia ci viene proposta un’immagine che non è pura descrizione sentimentale, ma si proietta sempre nella meno accessibile dimensione della sintesi formale, della riflessione estetica.

Pur conservando lo spessore – essenziale, alla fine dei giochi – di persone e oggetti che concretamente strutturano la vita dell’artista, la moglie e le figliolette, la brocca con pennelli o fiori, gli animali, vengono osservati e studiati come testimoni di una verità più profonda di quella domestica; per questo vengono amorevolmente piegati a un dialogo che prevede differenti angolazioni dello sguardo, infinite varianti di pose, sempre nuove maniere di combinare le masse nel loro offrirsi alla luce».