Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Il Rinascimento di Pordenone

L’arte potente e innovativa di Giovanni Antonio de’ Sacchis nella sua città natale
31441
Pordenone
viale Dante 33
Galleria d'Arte Moderna
26/11/19
Da martedì a venerdì 15-19; sabato e domenica 10-19

Altre date

17/11/19 - Pordenone
19/11/19 - Pordenone
20/11/19 - Pordenone
21/11/19 - Pordenone
22/11/19 - Pordenone
23/11/19 - Pordenone
24/11/19 - Pordenone
27/11/19 - Pordenone
28/11/19 - Pordenone
29/11/19 - Pordenone
30/11/19 - Pordenone
01/12/19 - Pordenone
03/12/19 - Pordenone
04/12/19 - Pordenone
05/12/19 - Pordenone
06/12/19 - Pordenone
07/12/19 - Pordenone
08/12/19 - Pordenone
10/12/19 - Pordenone
11/12/19 - Pordenone
12/12/19 - Pordenone
13/12/19 - Pordenone
14/12/19 - Pordenone
15/12/19 - Pordenone
17/12/19 - Pordenone
18/12/19 - Pordenone
19/12/19 - Pordenone
20/12/19 - Pordenone
21/12/19 - Pordenone
22/12/19 - Pordenone
24/12/19 - Pordenone
25/12/19 - Pordenone
26/12/19 - Pordenone
27/12/19 - Pordenone
28/12/19 - Pordenone
29/12/19 - Pordenone
31/12/19 - Pordenone
01/01/20 - Pordenone
02/01/20 - Pordenone
03/01/20 - Pordenone
04/01/20 - Pordenone
05/01/20 - Pordenone
07/01/20 - Pordenone
08/01/20 - Pordenone
09/01/20 - Pordenone
10/01/20 - Pordenone
11/01/20 - Pordenone
12/01/20 - Pordenone
14/01/20 - Pordenone
15/01/20 - Pordenone
16/01/20 - Pordenone
17/01/20 - Pordenone
18/01/20 - Pordenone
19/01/20 - Pordenone
21/01/20 - Pordenone
22/01/20 - Pordenone
23/01/20 - Pordenone
24/01/20 - Pordenone
25/01/20 - Pordenone
26/01/20 - Pordenone
28/01/20 - Pordenone
29/01/20 - Pordenone
30/01/20 - Pordenone
31/01/20 - Pordenone
01/02/20 - Pordenone
02/02/20 - Pordenone

Secondo una voce che godette di un certo credito tra i contemporanei, Giovanni Antonio de’ Sacchis, questo il suo vero nome - esuberante, sorprendente, eclettico protagonista  della stagione artistica della prima metà del Cinquecento, non solo in Friuli e in Veneto ma in un più ampio contesto padano - sarebbe morto avvelenato dal suo eterno rivale, Tiziano,  mentre si trovava a Ferrara su richiesta del duca Ercole II, che gli aveva commissionato una serie di cartoni per arazzi.

Di leggenda in realtà si tratta,  ma capace di farci percepire da un lato le tensioni e lo spirito di “concorrenza”  – per usare un’espressione cara a Vasari – che dovettero caratterizzare il mondo artistico dell’epoca, dall’altro la fama e il valore già allora riconosciuti al Pordenone, in grado di far ingelosire perfino il sommo Tiziano.
Era dunque tempo che, a distanza di oltre trent’anni dall’ultima mostra dedicatagli, si organizzasse una nuova rassegna che permettesse non solo di fare il punto degli studi, ma anche di presentare l’artista da un diverso punto di vista:  non più egemone in un ambito provinciale, bensì grande tra i grandi del suo tempo.  
A promuoverla il Comune di Pordenone, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l’Ente Regionale per il Patrimonio Culturale (ERPAC), con la collaborazione del Mibact - Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia e della Diocesi di Concordia-Pordenone e con il patrocinio del Comune di Milano e dei Comuni di Piacenza, Cortemaggiore e Cremona.
Curata da Caterina Furlan e Vittorio Sgarbi, con l’organizzazione generale di Villaggio Globale International, la spettacolare mostra ospitata negli spazi della Galleria d’Arte Moderna/Parco Galvani dal 25 ottobre 2019 a 2 febbraio 2020, permetterà al pubblico di ammirareaccanto a quaranta dipinti e disegni dell’artista quasi altrettante opere spettanti a esponenti di spicco della pittura veneta e padana del XVI secolo:
da Giorgione, Tiziano, Sebastiano del Piombo, Lotto, Romanino  a Correggio a Dosso Dossi, Savoldo, Moretto, Schiavone, Bassano, Tintoretto, Amalteo  e altri ancora. 
Fanno parte integrante del percorso espositivo  un cospicuo numero di dipinti conservati in Duomo e presso il Museo Civico di Pordenone,  dove sono presentati in un rinnovato allestimento, insieme con una selezione di stampe, libri e documenti d’archivio.