Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Aldo Missinato

Pordenone rende omaggio con una mostra al "fotografo dei pordenonesi"
28473
Il Carro Armato (ph. Aldo Missinato)
Pordenone

Museo Civico d'Arte
28/03/19
15-19
gratuito

Altre date

21/03/19 - Pordenone
22/03/19 - Pordenone
23/03/19 - Pordenone
24/03/19 - Pordenone
27/03/19 - Pordenone
29/03/19 - Pordenone
30/03/19 - Pordenone
31/03/19 - Pordenone

La mostra "Aldo Missinato, fotografo fra cronaca e storia locale" è un doveroso e affettuoso omaggio ad Aldo Missinato, che per anni ha documentato la vita della città (e non solo) tra cronaca e vita quotidiana, cogliendone l’essenza.
Organizzata dall’Associazione culturale “Il Circolo di Pordenone” con la collaborazione e il sostegno del Comune di Pordenone e di Unione Artigiani di Pordenone e il contributo di BCC Pordenone, Proconsulting e MCR moto Pordenone, l'esposizione è ospitata nel Museo Civico d’arte di palazzo Ricchieri, in continuità con un ciclo di eventi dedicati ad artisti e personalità locali, a partire dal 22 febbraio – quando verrà inaugurata alle ore 18 – fino al 31 marzo, con ingresso gratuito.
“Aldo Missinato - afferma il sindaco Alessandro Ciriani - è stato “il fotografo” dei pordenonesi, ma anche un custode di parte della memoria di questa provincia. Ha portato nelle case dei pordenonesi le più importanti pagine della cronaca e della storia contemporanea locale attraverso le sue fotografie. Col suo lavoro ha contribuito a creare l’identità della Pordenone contemporanea”.
“Col suo fedele motorino e l'immancabile Rolleiflex – sottolinea l’assessore alla cultura Pietro Tropeano - era sempre presente a documentare gli avvenimenti più importanti ma anche a immortalare pagine di vita e di persone. Dove c'era un evento la macchina fotografica di Aldo Missinato non mancava mai, così come non mancava la sua proverbiale affabilità e il suo sorriso. Esserci e testimoniare, prima di essere un lavoro era per lui un vero e proprio istinto”.
Sono una settantina gli scatti sezionati dal curatore Guido Cecere che si è avvalso della collaborazione storica di Maria Luisa Gaspardo Agosti, provenienti principalmente dalla raccolta di Confartigianato, che si è premurato di acquisire e conservare l’archivio di Aldo Missinato a pochi anni dalla morte.
Tra essi ci sono i più celebri - la prima auto targata 0001PN e il carro armato che schiaccia la Fiat 1500 – ma anche molti inediti, tra cui l'inaugurazione del nuovo studio di Americo Gregoris ad Azzano Decimo nel 1969, presenti la modella Veruschka, icona degli anni Sessanta, Oliviero Toscani e Paola Pitagora o quello che immortala Peppino De Filippo con Gildo, “il re della griglia” a Porcia. Dalla selezione, che si concentra sugli anni dal 1965 al 1976 appaiono le alluvioni, il terremoto, qualche cerimonia o momento storico, come la vista del presidente Saragat, e tante scene di vita quotidiana: il carnevale, sfilate di moda all’Ottoboni e all’Astoria, i “ramarri” del Pordenone Calcio, l’Equipe 84 e Fausto Leali in Fiera, il “mitico” BBB, il primo giorno di scuola, una manifestazione di studentesse delle Scuole Magistrali di Sacile.
Ne risulta dunque un ritratto fresco e vivace della Pordenone dell’epoca, che ci restituisce il sapore di quegli anni già consegnati alla storia. Non mancano naturalmente la cronaca nera, incendi e incidenti, che dal punto di vista professionale erano il suo cavallo di battaglia. Emerge, forte e dolce, anche il suo lato umano, quella sua capacità di star bene in mezzo alla gente e di saper percepire e “fermare” in fotografia la “vignetta”, la situazione parlante, di vita vera e quotidiana. “Una cosa che sapeva fare con semplicità e genuinità – sottolinea il curatore Cecere - ricordando quelle stesse sensazione prodotte dalle foto e dai film neorealisti.” Appare dunque una Pordenone non ancora Provincia, o novella Provincia in pieno Boom, che sta crescendo e cambiando, con ottimismo e voglia di fare che si legge nei volti della gente per strada o nelle espressioni dei gruppi di operai o di studenti. Un piccolo viaggio a ritroso in un passato relativamente recente, che diventerà, col passare degli anni, sempre più preziosa testimonianza, per capire chi eravamo.