Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Folklore

Museo del Mare

A Trieste due giorni di iniziative alla scoperta della cultura marinara e della vela solidale
23095
La goletta Oloferne (ph. Comune di Trieste)
13/01 e fino al 14/01

Sabato 13 gennaio approda a Trieste la goletta Oloferne, ammiraglia del Museo Navigante, la rete dei musei del mare e della marineria che si è messa in viaggio per promuovere il patrimonio culturale marittimo del nostro Paese. All’iniziativa Museo Navigante aderiscono per il Friuli Venezia Giulia il Civico Museo del Mare di Trieste, la Mostra permanente dell’Associazione Aldebaran, e il Mu/Ca - Museo della cantieristica di Monfalcone che, in occasione della tappa friulana, proporranno un calendario di iniziative straordinarie.

La goletta Oloferne sarà a Trieste, meteo permettendo, già venerdì 12, ormeggiata presso il molo Audace. Per tutto il periodo di sosta la goletta sarà visitabile e per i più giovani sarà possibile  partecipare ai laboratori a bordo (per prenotare: segreteria@museonavigante.it, oppure pagina contatti del sito www.museonavigante.it). Inoltre, all'interno della goletta sarà allestita una mostra, curata dall'Associazione marinai d'Italia, sui menù della Regia Marina, mentre a terra vi sarà una mostra fotografica sulla marineria italiana.

Le iniziative per il Museo Navigante avranno inizio l’11 gennaio presso il Civico Museo del Mare via di Campo Marzio 5, con un programma di laboratori per ragazzi proposti dal Museo stesso. E per tutte le età: dai laboratori sensoriali per i più piccoli, al Codice internazionale dei segnali per i più grandi (i posti disponibili sono andati esauriti in pochissimo tempo).

Sabato 13 alle ore 10. 30, sempre al Civico Museo del Mare, si terrà la conferenza: Thalia la prima nave bianca, con visita guidata a cura del conservatore del Civico Museo del Mare  Enrico Mazzoli.

“L'istituto sta sviluppando in questi anni sempre maggiori contatti con altre realtà dedicate alla valorizzazione della cultura del mare e della sua storia - afferma Laura Carlini Fanfogna, direttrice  del Servizio Musei e Biblioteche del Comune di Trieste - e con l'obiettivo di ampliare sempre più la platea di visitatori.”

Sempre nella giornata di sabato 13, alle 18, presso la sede dalla Lega Navale, Molo fratelli Bandiera 9, si terrà l'incontro organizzato in collaborazione con Lega Navale e ASPIC dal titolo «Un mare di salute: fare gruppo oltre la disabilità». Un incontro durante il quale si confrontano e raccontano diverse esperienze in cui il mare e le barche sono strumento di inclusione sociale, di supporto terapeutico e di prevenzione e promozione della salute.  Partecipano, Giusy Guarino, psicoterapeuta Referente ASPIC Trieste, Barbara Orso, psicoterapeuta; Marco Tibiletti, presidente La Nave di Carta

“È parte della cultura del mare anche la capacità di accogliere e sostenere chi, per motivi fisici, sociali o psichici, è più fragile” sostiene Pierpaolo Scubini, presidente della Lega navale e organizzatore dell'incontro. “La navigazione a vela ha dimostrato di essere un importante e utile strumento di inclusione sociale e di sostegno terapeutico”.
(per info: Aspic FVG 0432 547168).

Domenica 14 gennaio, alle ore 10.30, conferenza e visita guidata gratuita “Golette e Brigantini e il trasporto delle merci via nave”, a cura dell' esperto di progettazione e tecnica navale  Walter Macovaz.

Sempre domenica, alle ore 11, in programma “Incontriamoci #ABASSAVOCE al Museo”, le letture della migliore produzione editoriale per l'infanzia, con particolare attenzione al tema del mare. A cura dei volontari del progetto Nazionale Nati per Leggere.

L'ingresso al Civico Museo del Mare è gratuito e tutti gli eventi sono a ingresso libero.

“Valorizzare i luoghi della cultura del mare, primi fra tutti i musei: per questo siamo in viaggio” dice Maria Paola Profumo, presidente dell’Associazione Musei Marittimi del Mediterraneo e portavoce del Museo Navigante. “La storia marittima italiana è una pagina importante della storia dell’Europa e del Mediterraneo: per affrontare le sfide future, dall’emigrazione alle autostrade del mare, dalla pesca sostenibile alle nuove forme di turismo dobbiamo riscoprire e valorizzare le nostre radici marittime”.

Il Museo navigante è un’iniziativa promossa dall’Associazione Musei Marittimi del Mediterraneo (AMMM), Mu.MA-Galata di Genova, Museo della Marineria di Cesenatico e dall’associazione La Nave di Carta della Spezia per promuovere i musei del mare e della marineria d’Italia. All’iniziativa hanno aderito ad oggi 70 musei.

Il Museo Navigante è ospitato a bordo della goletta Oloferne che farà un viaggio di 1800 miglia, 25 tappe in Italia, per arrivare al Festival del Mare, Escale à Sète, in Francia, in rappresentanza di musei italiani. Aderiscono al Museo Navigante: Marina Militare e Guardia Costiera. L’iniziativa ha il riconoscimento dell’ICOM - Internationa Council of Museums.