Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Live music

Luigi Maieron

A Tolmezzo l'anteprima assoluta del suo nuovo progetto discografico
27714
Tolmezzo
via XXV Aprile
Teatro Candoni
08/12/18
20.30

Il cantautore e scrittore carnico Luigi Maieron presenta, in anteprima assoluta, il suo nuovo progetto discografico: “Non voglio quasi niente” (Appaloosa Records), un album che segna una svolta nella sua lunghissima carriera e che egli stesso così descrive “un disco dal linguaggio asciutto che guarda al domani, che indaga i sentimenti profondi, che non ha paura della scomodità e della fatica e la racconta. È un disco privo di super eroi, dove ognuno fa quello che può, con l’interruttore dell’anima acceso”.

Sul palco del Candoni, ad accompagnare Luigi, ci sarà una super band di valenti musicisti: Stefano Natale alle chitarre, Emiliano Visentini al basso, Mara Grion al violoncello, Sebastiano Zorza alla fisarmonica, Giorgio Pacorig, alle tastier e U.T. Gandhi alle percussioni, batteria e altro. Quest’ultimo ha anche curato la direzione artistica del progetto.

Se fino a oggi Maieron è stato il cantore delle radici, della provenienza, del collegamento con le persone reali, in un’epoca solida in cui non esistono certezze consolidate, ora, con questo disco prova a raccontare quello che realmente ci sta accadendo, che cosa ci batte dentro e che cosa, in noi, si sta spegnendo. Maieron mette in luce l’importanza di valori quali la semplicità e la normalità, spesso soverchiate da ambizioni e aspirazioni personali.

“Ogni canzone è una piccola osteria – chiosa Gigi -  dove fermarsi a bere un bicchiere e scambiare qualche opinione.” Il progetto assume allora una nuova veste, meno folk e più urbana, senza tuttavia dimenticare l’importanza dei piccoli paesi, delle persone, delle minoranze che ogni giorno devono misurarsi con una modernità poco attenta ai bisogni reali dell’essere umano.

Maieron, nato a Cercivento nel 1954, eredita la grande passione per la musica dalla mamma e dal nonno. Per ben tre volte vince il Festival del canto friulano, oltre al premio Friùl. Nel 2002, l'album “Si vîf” gli vale il secondo posto al premioTenco e ottimi riscontri da critica e pubblico. Mauro Corona e Toni Capuozzo sono diventati suoi compagni di avventura nello spettacolo “Tre uomini di parola”, che riesce a fondere magnificamente parole, musica e arte

Luigi è anche uno scrittore di successo, tra i suoi libri citiamo il poetico “La neve di Anna” (Biblioteca dell'Immagine), “Te lo giuro sul cielo”, dedicato alla sua Carnia e “Quasi niente”, scritto con Mauro Corona (entrambi editi Chiarelettere).

Euritmica devolverà parte del ricavato di questo concerto alla raccolta fondi avviata dalla Protezione Civile per i danni causati dai recenti eventi atmosferici che hanno colpito la Carnia.