Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

La Tradotta

Viaggio sul treno che porta ai luoghi della Grande Guerra
29592
Capriva del Friuli

Villa Russiz
18/05/19
20.30

“La Tradotta – viaggio sul treno che porta ai luoghi della Grande Guerra” è il titolo del recital che sabato 18 maggio, alle ore 20.30, presso la Sala Polifunzionale della Villa Russiz di Capriva del Friuli, vedrà protagonisti l’attore Fabiano Fantini assieme ai complessi vocali Cadmos (Ondina Altran, Silvia Bonesso, Francesca Moretti, Manuela Marussi)  Pleiadi e al tenore Francesco Cortese accompagnati al pianoforte da Gianni Del Zotto e alle percussioni da Francesco Pandolfo.

Scritto con la consulenza ai testi di Roberto Covaz, La Tradotta si inserisce negli eventi organizzati dal Collettivo Terzo Teatro di Gorizia nell’ambito del bando Grande Guerra che ha ottenuto il sostegno finanziario della Regione Friuli Venezia Giulia. Schegge di storia, frammenti di letteratura, momenti musicali in un “concertato” che ripercorre gli aspetti più tragici, e a volte disattesi, del conflitto in queste terre, La Tradotta, impagina un  immaginario viaggio che porta i giovani di un’intera generazione nei luoghi della guerra guardando alle figure tragiche ed eroiche di madri, mogli, figlie rimaste a combattere la vita di ogni giorno senza i loro uomini. La musica scorre in un susseguirsi di episodi in bilico fra denuncia, ironia ed emozione, fra tradizione e musica colta, ed intreccia echi di poesia e di canti popolari a quelli del grande melodramma, intessendo una colonna sonora ricca di suggestioni e richiami.

Dal testo e dalle musiche affiorano vissuti e testimonianze, pagine del grande repertorio operistico, musiche di tradizione orale e canti popolari tratti dall’imponente produzione che accompagnò gli anni della grande conflitto mondiale e che sconvolsero le terre della nostra provincia. Ingresso libero.