Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

La ricchezza della Povertà

Tra musica e parole l'omaggio a Padre Turoldo
27703
Glauco Venier
Tavagnacco
via Patrioti 29 - Colugna
Fondazione Bon
09/12/18
17

Domenica 9 dicembre alle ore 17 presso il Teatro Luigi Bon, andrà in scena La ricchezza della Povertà, Omaggio a Padre David Maria Turoldo, spettacolo in forma di oratorio di Glauco Venier e Luca Fantini.

Lo spettacolo, inserito fuori abbonamento nel cartellone musica, è un intreccio di letture sceniche e musiche originali, scritte da Glauco Venier e arrangiate da Michele Corcella. Organizzato come un oratorio in cui le parti corali sono affidate al laboratorio strumentale L’INSIÙM, i recitativi alla voce di Luca Fantini e le arie al canto di Alba Nacinovich, richiamano alcune delle liriche più intense del frate filosofo, come per la sera, memoria, litania, infinito silenzio, a suonare i divini sensi, perché non vale dire, a terza.

La Ricchezza della Povertà è una drammaturgia scritta in forma autobiografica da Luca Fantini sul Turoldo più vicino al suo Friuli ed alla sua povera gente. Liberamente ispirato a “Gli ultimi”, lo sguardo che il poeta di Dio rivolse, con Vito Pandolfi, alla dura vita dei contadini friulani degli anni ’30, per cantare simbolicamente attraverso il cinema la sua terra con la sua umanità dimenticata. Un Friuli isolato, povero e depresso che sarà in grado di fare della propria miseria non una vergogna ma un valore. Una forza da imporre al resto del mondo.

Un progetto complesso e inusuale nella realtà produttiva della cultura italiana, che ricorda la figura di Turoldo a cent’anni dalla nascita.