Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Live music

John Surman

A Tricesimo la leggenda vivente della musica jazz mondiale
28787
(ph. Erik Fuglseth)
Tricesimo
via Europa unita 21
Teatro Garzoni
15/03/19
20

L’artista inglese presenta  il suo progetto “Invisible Threads” (pubblicato dalla prestigiosa ECM), in trio con Nelson Ayres al pianoforte e Rob Waring al vibrafono, marimba.

La serata inaugurale della rassegna Note Nuove, piattaforma di confronto delle trasformazioni della musica, giunta alla sua dodicesima edizione per la direzione artistica di Giancarlo Velliscig di Euritmica, con il sostegno della Regione FVG e del Comune di Tricesimo, inizierà alle 20 con il concerto del trio Opacipapa di Flavio Zanuttini (tromba) con Piero Bittolo Bon al sax contralto e Marco D’Orlando alla batteria. La band presenta la sua prima incisione discografica “Born Baby Born”; si prosegue, alle 21.30, con il concerto di Surman. Nell’intervallo tra le due esibizioni, nel foyer del teatro, #euritmicasocial propone un brindisi con gli artisti.

John Surman è tra i più autorevoli e innovativi sassofonisti contemporanei, un musicista che ha definito il ruolo del sassofono nella musica moderna, riuscendo a fondere alcuni dei metodi e delle trame del jazz moderno con una sensibilità tutta inglese. Gli “Invisible Threads“, sono quei fili invisibili che per lui rappresentano semplicemente la musica, una forza in grado di unire mondi apparentemente lontani, per stili di vita e cultura, in una melodia che trascende gli idiomi. Surman ha incontrato il pianista Nelson Ayres – noto agli appassionati del jazz brasiliano per le sue collaborazioni con  Airto Moreira e Milton Nascimento – mentre era in tour in Sud America. A Oslo, ha invece conosciuto Rob Waring, vibrafonista statunitense trasferitosi in Norvegia.