Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Live music

Huun-Huur-Tu

A Cervignano i cantori della steppa per l'esordio stagionale del Pasolini
27283
Cervignano del Friuli

09/11/18
21
6
Cervignano del Friuli
piazza Indipendenza 34
Cervignano del Friuli

Huun-Huur-Tu, nella lingua parlata a Tuva (regione della Siberia, al confine con la Mongolia, incastonata nel cuore delle steppe dell’Asia Centrale), ha il significato di "nascita del sole e propagazione della sua energia" e questo è il messaggio che i suoi componenti vogliono trasmettere con la loro musica, un raggio di sole che attraversa ogni epoca e cultura, collegando il passato alla contemporaneità, la tradizione alla modernità. Gli Huun Huur Tu lo fanno attraverso un attento lavoro di recupero dei canti tradizionali e di melodie antiche della loro terra, dove la tecnica del canto armonico (o laringeo) e l’uso di strumenti peculiari ed unici si tramanda di generazione in generazione.

La tecnica vocale del throat singing permette lo sviluppo di un universo sonoro incomparabile e coinvolgente, ricco di armonici. I membri di Huun-Huur-Tu si sono dedicati all’apprendimento di questo antico e vastissimo patrimonio culturale, ma allo stesso tempo le loro performance trovano risonanza anche nel mondo contemporaneo. Il percuotere ripetuto di una corda contro legno e pelle si trasforma in un disegno meditativo che sembra venire direttamente dall’avanguardia!

Gli Huun-Huur-Tu, definiti dal New York Times “un miracolo musicale”, sono perennemente in tournée per portare la propria, affascinante cultura in ogni angolo del mondo; anche Frank Zappa li volle al suo fianco in un rarissimo bootleg “Salad Party ‘93”. I quattro performer, insieme dal 1992, sono in grado di emettere molteplici voci che cantano contemporaneamente, e con l’ausilio di strumenti a corda (pizzicati e ad arco), percussioni, e scacciapensieri, riproducono il battito del cuore, il respiro, il galoppo dei cavalli (importantissimi nella cultura di un popolo nomade). Le loro canzoni parlano di sentimenti, verso gli esseri umani, verso la propria terra, gli animali e la natura, sentimenti universali che creano un’immediata connessione emotiva con il pubblico, che supera qualsiasi barriera linguistica.