Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Hollywood Burger

Il lato oscuro del grande schermo nel racconto di due attori che ce l’hanno quasi fatta
32783
Artegna
piazza Marnicco 20
Teatro Lavaroni
14/02/20
20.45

Altre date

23/04/20 - Sedegliano

Enzo Iacchetti e Pino Quartullo arrivano in Friuli per quattro date di Hollywood Burger, il nuovo spettacolo prodotto dalla Contrada di Trieste. La commedia è scritta da Roberto Cavosi e interpretata anche da Fausto Caroli.

Il testo di Cavosi è ambientato in una mensa per artisti degli Studios di Hollywood. I due protagonisti, Leon e Burt, sono degli attori alla deriva ma tenacemente aggrappati al sogno del cinema. Sono due mitomani e snocciolano aneddoti con Stanley, Jack, Robert, Francis, Al, Ridley, Meryl, Giulia: sono classici “name-dropper” (quelli che “sgocciolano” i nomi dei personaggi più famosi come fossero intimi amici). Forse sono anche bravi attori ma il destino si è accanito contro di loro; sono due tipiche vittime del sistema hollywoodiano. Leon avrebbe potuto essere il protagonista di 2001 Odissea nello spazio, il capolavoro di Stanley Kubrick, ma era totalmente nascosto in un travestimento da scimmia; Burt ha preso parte a molti film di successo (Il Padrino, Casablanca, Dracula), ma la sua parte è stata sempre irrimediabilmente tagliata in fase di montaggio. E così quei film “mancati”, famosissimi, mitici, in cui hanno lavorato senza poter essere riconoscibili o da cui sono stati poi fatti fuori, diventano un viaggio nei ricordi.

Il pubblico non saprà mai se quello che si confidano è frutto di una crudele realtà o di una delirante follia ma le loro frustrazioni, le loro aspettative disattese di una improbabile carriera cinematografica, li rende così tragici da farli diventare esilaranti, eroici clown beckettiani del nostro mondo.

Un mondo che ti lusinga per tradirti e dal quale è bene rubare anche le più piccole briciole di felicità, perché è solo su quelle che si può costruire, come ci insegnano Leon e Burt, la propria vita e la propria dignità.