Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Dove si sfiorano, nell'armonia dei suoni e dei colori, l'Isonzo e il Carso

Esposte le opere di Guido Gismano
36047
Sagrado
Salita del San Michele 3
Sala Parrocchiale
03/10/20
giovedì, venerdì e sabato 17-19, domenica 10-12

Altre date

19/09/20 - Sagrado
20/09/20 - Sagrado
24/09/20 - Sagrado
25/09/20 - Sagrado
26/09/20 - Sagrado
27/09/20 - Sagrado
01/10/20 - Sagrado
02/10/20 - Sagrado
04/10/20 - Sagrado

La comunità di Sagrado rende omaggio al suo storico pittore Guido Gismano. Lo farà con una retrospettiva dal suggestivo titolo "Dove si sfiorano, nell'armonia dei suoni e dei colori, l'Isonzo e il Carso", che sarà inaugurata sabato 19 settembre alle 17.30 nella sala parrocchiale adiacente la chiesa di San Nicolò Vescovo, in Salita del San Michele 3.

La mostra sarà visitabile sino al 4 ottobre, con pieno rispetto delle normative anti-Covid, il giovedì, venerdì e sabato dalle 17 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 12. Nato nel 1901 a Sagrado e scomparso nel 1970, Guido Gismano visse in quella che oggi è la sede del centro di aggregazione giovanile di via Dante Alighieri. È stato uno degli artisti più apprezzati e talentuosi espressi dalla comunità di Sagrado e la sua opera è sempre stata finalizzata a valorizzare e promuovere il territorio e le sue ricchezze paesaggistiche e storiche.

Saranno esposti una trentina di lavori rappresentativi che trattano in particolare i temi del Carso, dell’Isonzo e della pianura friulana. L’amico Armando Marizza lo ricordava negli anni ‘70 come un cultore del vero, che con la sua profonda sincerità interpretava sempre la verità. Padrone di uno stile personale Guido Gismano è ricordato anche come il pittore che con i segreti del mestiere e la magia del pennello liscio ed armonioso, con l’infallibile filettatura finale, rinnovava gli interni delle abitazioni; però fin da giovane iniziò a tratteggiare i paesaggi del nostro Isonzo e del nostro Carso, il greto del fiume, le povere casette di pietra carsica.

La mostra rientra nel progetto intitolato “La memoria di un fiume. Isonzo: ricordi, testimonianze e racconti di tanti che hanno amato e cantato il nostro fiume”, nato dalla collaborazione dell’Amministrazione comunale di Sagrado con le Associazioni di volontariato I Ferai de la Rosta, l’Associazione Culturale Bisiaca, il Circolo Culturale di Sdraussina, la Pro Senectute di Sagrado, l’Auser di Fogliano e Sagrado, che la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha premiato per la sua validità con un proprio finanziamento.

Livio Nonis