Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Storytelling

19297
Monfalcone
via Duca d'Aosta 83
Caffè Carducci
20/05/17
7.30-22

Altre date

24/05/17 - Monfalcone
25/05/17 - Monfalcone

L’artista Stella Iervolino, in arte Lastellapainter,  vive e lavora a Grado.

Nasce a Verona nel 1986 e da sempre coltiva una grande passione per il disegno. Fin da piccola ama inventare storie a fumetti affinando nel tempo, e specialmente durante il liceo artistico,  le varie tecniche pittoriche. Un corso di grafica le permette di dipingere anche in digitale e  diventa illustratrice di racconti.

A Verona frequenta alcuni circoli d’arte contemporanea partecipando a varie mostre collettive e  con queste esperienze inizia a maturare uno stile personale e la possibilità di poter esprimere tutte le sue idee per approdare infine all’elaborazione di una propria modalità figurativa.

Con una tavolozza di colori freddi, la sua tela si definisce in una salda compattezza di materia e colore con contrasti molto evidenti nei colori puri mescolati .

 Così, attraverso vari percorsi, approda a una personalissima interpretazione dell’arte  e, nelle sue opere, lo spettatore prova la sensazione di essere di fronte ad una giovane artista, innovativa nella forma, ma soprattutto nell’atmosfera  contemporanea che si respira nella sua opera.

La percezione di una realtà dura ma poetica al tempo stesso  rende  il mondo di Stella Jer intenso e coinvolgente. I suoi dipinti trasmettono molta energia attraverso l’uso di una tecnica pittorica materica, densa di materiali accostati, pressati, graffiati che gradualmente  nelle sue opere possono mutare in oggetti tridimensionali.  Le sue tele si trasformano in sculture costruite con  materiali non convenzionali come ad esempio legni trovati lungo la spiaggia ed elaborati con grande creatività.

Ed ecco che prende vita così la ricerca sui quattro elementi , potente ed arcaica, evocatrice di un tempo e di un linguaggio  antico ed ancestrale.

Lo spettatore diviene consapevole che l’approccio alla sua opera e al suo linguaggio risulta essere più complesso di quanto appaia ad una prima lettura e che questa  richieda un’interpretazione a più livelli di profondità.

È una poetica di denuncia di una realtà divenuta nel tempo invivibile nella quale i problemi sono diventati ormai irrisolvibili e l’unica possibilità per sopravvivere diventa l’astrarsi, il mito diviene salvezza, un universo scaturito dall’evocazione di luoghi senza tempo l’unico rifugio.

Ed ecco così che queste opere manifestano una profonda malinconia , e ci parlano di stati d’animo irrisolti e dell’indecifrabilità della vita dei nostri giorni.