Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Non vorrei essere nei miei panni

Mostra dell'artista cervignanese
32662
Conversazione, 52x40 cm, pastelli a creta su carta, 2019
Monfalcone
via Duca d'Aosta 83
Caffè Storico Carducci
16/02/20
7.30-22

Dopo il consenso sia di critica che di pubblico ottenuto dall'artista della bassa friulana con le sue performances sia in regione che fuori regione, Sabino Donda ha desiderato proporre le sue opere e le sue emozioni anche nella città dei cantieri.
Il titolo è una manifestazione di distanza da sé con una potente dose di autoironia che porta l'artista a provare per se stesso simpatia e senso di leggerezza.
Questa mostra contiene sette disegni a pastelli a creta su carta di piccole dimensioni, realizzati negli ultimi mesi, con le cornici del laboratorio di restauro Bagolin di Ruda.

Sabino Donda pratica il disegno con i pastelli da 14 anni. Ha voluto trattare il tema del dialogo, della conversazione, dell'amicizia e della sessualità. I disegni sono fatti a memoria, non sono copie dal vero. I colori sono densi e intensi con un uso libero del nero, denotano uno stile primitivo con una forte accentuazione cromatica e l'estrema incisività del segno, contrariamente alla mostra Primavera ho nel cuore in cui prevalevano i colori tenui e il bianco. Il disegno di Sabino può essere definito espressionista e figurativo, nel senso che non è la rappresentazione realistica della realtà, bensì l'espressione di un'immagine interiore e di un'esperienza emozionale e spirituale della realtà. L'ispirazione nasce dal confronto con un'altra persona o con l'artista stesso. L'immagine privilegiata è quella del volto che può risultare astratto.

L'esposizione, che verrà inaugurata sabato 8 febbraio alle ore 18, potrà essere visitata continuamente fino a giovedì 20 febbraio dalle ore 7.30 alle ore 22, escluso il lunedì.

Paolo Posarelli