Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Marcello Mascherini

21992
Monfalcone
via del Mercato 3
Museo della Cantieristica
08/12/17
martedì 10-13, venerdì e sabato 10-18, domenica 10-13

Marcello Mascherini (Udine, 1906 – Padova, 1983), noto per l’eleganza dei propri bronzi prettamente figurativi, è tra i maggiori scultori italiani del Novecento. Ma non tutti sanno che molte sue opere hanno contribuito all’arredamento di navi prestigiose uscite dai cantieri tra il 1931 e il 1965, periodo d’oro della cantieristica italiana dello scorso secolo.

Il progetto espositivo Marcello Mascherini. Lo scultore dei transatlantici è sviluppato e organizzato dal Comune di Monfalcone in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e l’Archivio Marcello Mascherini, nonché con altre istituzioni, in particolare il Consorzio Culturale del Monfalconese e la Fondazione Fincantieri.

Le opere scelte, tutte sculture in bronzo di dimensioni più che naturali, alcune delle quali monumentali, sono concesse in prestito dal Ministero per i Beni Culturali e dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: Bora, Scirocco, La Pesca (1951) provenienti dalla nave “Augustus”; La Notte, Fauno con gallo, Gioia di vivere, Vestale 1, Vestale 2 (1960) già sulla nave “Leonardo da Vinci”; La Vita (1964), grande pannello in rame sbalzato e argentato della nave “Raffaello”.

Le opere selezionate furono già esposte con successo alla mostra La pesca “Miracolosa”. Omaggio a Marcello Mascherini, che ebbe luogo a Roma nel 2006 organizzata nel centenario della nascita dello scultore dal Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con il contributo dell’Archivio Marcello Mascherini.

L’evento si colloca in un programma di sviluppo delle risorse museali del Comune di Monfalcone che intende pienamente utilizzare l’investimento del Museo della Cantieristica per ulteriori progetti espositivi di carattere artistico-navale da svolgersi con cadenza almeno annuale, prevedendo di ampliare la presentazione delle opere realizzate dai grandi artisti italiani.