Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Grigio in grigio

25906
Gorizia
viale XXIV Maggio 15/c
studiofaganel
13/07/18
9.30-13/16-19

Per Maria Elisabetta Novello il grigio è un colore tanto familiare quanto eloquente. Lo ritroviamo nelle sue opere realizzate utilizzando prevalentemente la cenere e la polvere. Queste sono materie prime essenziali e non separate dal pensiero dell’artista.

Le caratteristiche che hanno questi materiali si coniugano con l’aspirazione dell’artista a raccontare la labilità e la bellezza dell’esistenza. 

Sono particelle infinitesime che derivano da qualcosa che non esiste più e che possono essere riunite a formare qualcosa di nuovo e diverso. Sono residui oramai inutili che possono acquistare altri usi e significati.

Tra passato e presente, tra visibile e invisibile, tra precario e stabile, tra statico e dinamico, polvere e cenere si trovano in una condizione di indeterminatezza. Le potenziali identità sono molteplici come una gamma di grigi.

Nei lavori di novello – vetri, specchi, carte, teche, che ricompongono, fissano e conservano polvere e cenere – le proprietà di materia e poetica sono in sintonia.

L’artista presenta una serie che va sotto il titolo di Sopralluoghi. nell’intento di instaurare una relazione con la città che la ospita, novello ha individuato un sito, dove ha compiuto un vero e proprio rilievo di polvere, cenere e di quant’altro il tempo ha ivi sedimentato.  

Per l’esposizione a Gorizia questo luogo, suggestivo, potente e pregno di significato, è stato individuato nella soffitta del Palazzo Paternolli dove visse il filosofo e poeta Carlo Michelstaedter (1887-1910).