Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Che bellezza! Che finura!

Intenso confronto tra le opere dei due artisti
32549
Gradisca d'Isonzo

Galleria Spazzapan
27/02/20
10-13/15-19

Altre date

26/02/20 - Gradisca d'Isonzo
28/02/20 - Gradisca d'Isonzo
29/02/20 - Gradisca d'Isonzo
01/03/20 - Gradisca d'Isonzo
04/03/20 - Gradisca d'Isonzo
05/03/20 - Gradisca d'Isonzo
06/03/20 - Gradisca d'Isonzo
07/03/20 - Gradisca d'Isonzo
08/03/20 - Gradisca d'Isonzo
11/03/20 - Gradisca d'Isonzo
12/03/20 - Gradisca d'Isonzo
13/03/20 - Gradisca d'Isonzo
14/03/20 - Gradisca d'Isonzo
15/03/20 - Gradisca d'Isonzo

La mostra avvia un nuovo progetto dedicato alla valorizzazione di Luigi Spazzapan, dell’uomo, dell’artista e della collezione di opere della Galleria omonima a lui intitolata. Per approfondire e far conoscere l’opera dell’artista gradiscano, si è scelto di metterlo a confronto con il lavoro di un’artista come Miela Reina, che in uno spazio temporale molto ristretto – l’artista è prematuramente scomparsa nel ’72 a soli trentasei anni – è riuscita definire un linguaggio estremamente maturo, molto originale e in linea con le sperimentazioni più avanzate degli anni ’60 in Italia.

La mostra, allestita al terzo piano della Galleria, raggruppa un grande insieme di opere di Miela Reina, oltre cinquanta tra olii su tela e tavola, tempere e penne su carta. Sono presentati anche alcuni lavori tridimensionali a testimonianza del suo spingersi oltre la tela, nell’ottica di una comunicazione allargata unita al desiderio di portare l’arte nella quotidianità.

A questo importante nucleo di opere, fanno da contrappunto una ventina di opere di Spazzapan tra tempere e chine, oltre ai due celebri bronzi del ’25 che ritraggono Oscar Brunner e Veno Pilon.