Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Alla ricerca dell’Aura Perduta | Lato B

24759
Gradisca d'Isonzo
via Ciotti 51
Galleria Spazzapan
21/04/18
da mercoledì a venerdì 15-19, sabato e domenica 10-13/14-19

Una mostra d’arte contemporanea sul tema dell’ingiunzione alla visualità, condizione alla quale non possiamo sottrarci nella seconda modernità. La mostra attraversa un periodo storico che va dagli anni ‘60 a oggi, con 70 opere di artisti ormai storicizzati, di altri sconosciuti o in corso di affermazione. Una mediazione che passa attraverso lo specchio-schermo, quello di Alice Nel Paese delle Meraviglie, quello dei media, sempre più intelligente e capace di agire indipendentemente dalla volontà di chi lo calza, indipendentemente dall’intenzionalità. Un dispositivo che abbiamo avvicinato con l’intenzione di rivolgerci all’altro, senza sospettare che ci si sarebbe rivoltato contro, che sarebbe diventato lo specchio del nostro personale narcisismo, dove incontrarsi significa esibirsi. Uno schermo che, invece di creare relazioni, le rinchiude dentro una ragnatela, una web che ha legato nella sua tela tutto il pianeta. Il conseguente azzeramento del tempo, della durata, ha modificato e trasformato completamente il significato antropologico delle relazioni umane, la percezione del circostante e dell’altro.

Il titolo della mostra - ed i suoi contenuti - richiamano, con la dovuta ambiguità, questa nuova temporalità “proustiana” o “spilbergiana”, coniugandola al concetto di “aura” espresso da Walter Benjamin. Da Andy Warhol ad Alberto Vidissoni, così come da ciascuno a ciascun altro. Una mappa mentale presa dentro una geografia di luoghi culturali e politici, spesso ancora sconosciuti e da esplorare. Si ringraziano la Collezione Avon Campolin (Pordenone), la Collezione Lipanje Puntin (Trieste), la Collezione Arta (Milano) e Prometeo Gallery (Milano), che hanno gentilmente concesso alcune opere. Opere di: Masayuki Akiyoshi, Michele Bazzana, Bruno Baltzer + Eleonora Bisagno, Boris Beja, Duccio Berti, Marc Bijl, Romain Erkiletlian, Darko Fritz, Arianna Giorgi, Lek Gjeloshi, Dan Graham, Rodney Graham, Andrew Grassie, Stefano Graziani, Igor Grubic, Rudina Hoxhaj, Ugo La Pietra, Gianpaolo Minelli, Gianni Motti, Oliver Ressler, Saso Sedlacek, Caterina Erica Shanta, Alberto Vidissoni.