Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Divagazioni dai disegni leonardeschi

A Gorizia l'esposizione delle opere dell'artista udinese
30474
Gorizia
via Mameli 12
Biblioteca statale isontina
22/07/19
da lunedì a venerdì 10.30-18.30, sabato 10.30-13

Venerdi 19 luglio, alle 18, alla galleria d'arte Mario Di Iorio della Biblioteca statale Isontina si inaugura la mostra dell’artista udinese Walter Bortolossi, che presenterà una quindicina di propri dipinti affiancati dalle riproduzioni di alcuni disegni di Leonardo da Vinci, legati per affinità - e contrasto – tematico. La mostra sarà introdotta dall’artista e critico Aldo Ghirardello.

L'esposizione è itinerante e nei prossimi mesi circolerà in altri spazi espositivi assumendo di volta in volta una forma differente. “Le opere in mostra – spiega l'artista - alcune realizzate per l’occasione e altre appartenenti a periodi diversi, non si basano su una traduzione letterale e fedele dei disegni di Leonardo che vengono piuttosto usati come spunto per delle divagazioni pittoriche, apparentabili per richiami figurativi e per argomento, ma applicati allo scenario contemporaneo reinventando quindi i disegni in un contesto nuovo. La proverbiale attitudine di Leonardo a dedicarsi a tantissime cose portandone a termine solo poche, divagando dall’una all’altra, viene in parte ripresa sotto il segno della stessa attitudine alla sperimentazione e alla divagazione, adottando il suo stesso punto di vista universalistico, aggiornato alla complessità odierna, nell’intenzione di mettere l’arte al crocevia del sapere complessivo, unendo tutti i campi della vita e della conoscenza. I disegni diventano il punto di partenza per catene di associazioni concettuali e figurative connesse al mondo contemporaneo nei suoi vari aspetti”.

“I temi principali sui quali si fonda la mostra - conclude Walter Bortolossi - sono la transdisciplinarità e la conoscenza scientifica, la realtà come movimento, la società come organizzazione e conflitto, rinvenibili anche nell’opera di Leonardo, che viene focalizzato nella sua posizione di “omo sanza lettere” laterale rispetto al Neoplatonismo filosofico imperante al tempo, anticipando un suo sguardo al mondo che è estremamente attuale, dove la ricerca dell’armonia e di un ordine si scontra concretamente con il disordine della Storia”.

L’arte di Bortolossi, da anni incentrata su una complessa stratificazione di contenuti e modalità pittoriche, afferma anche in questa occasione la sua vocazione, sperimentale e per niente nostalgica, che nell’attualità riconosce il filo rosso che la collega con gli eventi e la cultura del passato. Walter Bortolossi, nato nel 1961 a Basilea, ha studiato a Venezia dove si è diplomato al liceo artistico e all’accademia di Belle arti. Vive e lavora a Udine dove insegna al liceo artistico Sello. Ha esposto in numerose mostre personali e collettive in Italia, negli Stati Uniti, in Germania e in Inghilterra.