Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Live music

Concerti della Sera

Ogni venerdì di luglio performance musicali e sceniche
34629
Daniela Donaggio

viale XX Settembre 85
Teatro Bratuz
31/07/20
20.30
10

Dopo la sospensione causata dalla pandemia di covid19, riprende al Teatro L. Bratuž di Gorizia, viale XX Settembre 85, la Stagione concertistica “Elena Lipizer” 2019-2020, organizzata dall’Associazione Culturale “M° Rodolfo Lipizer” onlus con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, il Comune di Gorizia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

Si susseguiranno cinque concerti in altrettanti venerdì con una nutrita presenza di concertisti e cantanti, di riconosciuto valore professionale, impegnati in performance musicali e anche sceniche:

- 3 luglio – “La vita è bella”… e non potrebbe esserci oggi un titolo di concerto più propositivo e augurale, con i soprani Susy Picchio e Daniela Donaggio, Isabella Stabio - sassofoni e Massimiliano Brizio - pianoforte;

- 10 luglio – “Gran solo”, recital del violinista Marco Fornaciari;

- 17 luglio – “La magia della voce” con Giulia Della Peruta - soprano, Christian Federici - baritono e Ferdinando Mussutto - pianoforte;

- 24 luglio – “Il fascino del settecento strumentale italiano”, con il Pro Musica Quartet (Piero Zanon e Aura D’Orlado - violini, Marta Shore - viola, Francesca Agostini – violoncello) e gli ospiti Manuel Tomadin – clavicembalo e Giulio Chiandetti - liuto, mandolino, chitarra;

- 31 luglio – “Concerto per Elena Lipizer”, anticipato dalla Prolusione di Antonio De Nicolo, recital del pianista Roberto Cappello dedicato a Sonate di L. van Beethoven (nel 250° della nascita).

Si potranno ascoltare anche musiche che vanno da Bach a Pergolesi, da Mozart a Paganini, giungendo fino ai contemporanei Gershwin, Piazzolla, Piovani. Pasolini affermava che dove c’è cultura, c’è desiderio di vita. La partecipazione alle serate dà modo di riavviare una prassi culturale, per se stessi e per la città, senza la quale non può esserci una compiuta, reale e “vissuta” ripresa, di cui si sente profondamente la necessità.

Per quanto attiene alla sistemazione del pubblico in sala, sanificata per ogni concerto, si precisa che il numero di spettatori non potrà superare il centinaio, gli abbonati usufruiranno della loro tessera e di posti assegnati, gli altri spettatori potranno previo biglietto - preferibile la prenotazione presso la Libreria Antonini di Corso Italia 51 - adire alla sala fino al numero sopra indicato, è dovuto il distanziamento interpersonale e non sono consentiti assembramenti.