Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Fratello Sole...

21546
Trieste
Piazza Unità 4
Sala comunale d'arte
27/09 e fino al 17/10
10-13/17-20

Brigida Nussdorfer ritorna alla Sala Comunale d'Arte di Trieste con una mostra che la conferma e la consacra disegnatrice di poesia. Il titolo della mostra (“'Fratello Sole..”) è emblematico - afferma Franco Rosso nella presentazione - e già anticipa molto del messaggio che la Nussdorfer intende comunicare attraverso la sua espressività creativa, che si rifà artisticamente all'espressionismo tedesco, con colori decisi, superfici timbriche, pennellate gestuali: l'ispirazione trova sicuramente spunti nel paesaggio del Carso e della Valle del Vipacco con un territorio che spesso appare come uno spaccato geologico, per permettere una ispirazione intimistica alla ricerca dell'emozionalità interiore dell'artista; spesso compare il sole che non è solamente il simbolo della luce e del calore, ma rappresenta anche l'origine della vita, del calore, della crescita ed è il simbolo di tutto ciò che è buono. L'impatto è con una pittura semplice, ma solo in apparenza, perché in effetti questa essenzialità permette alla Nussdorfer di coniugare realtà e fantasia, con una sintesi che non intacca la poesia e l'ingenuità sincera partecipa attivamente alla rappresentazione . Nell'insieme si afferma una interpretazione fiabesca della natura e della realtà, quasi una fantasiosa trasmutazione dell'ambiente illuminato dal sole che per l'artista sussurra al vento, si staglia in spazi infiniti, parla la voce sommessa dello spirito e delle emozioni, e fa spiccare il volo ai sogni e ai ricordi dell'infanzia. Ogni quadro della Nussdorfer diventa così un diario di malinconie e di abbandoni, di riflessioni e di gioe, di letizia e di luce interiore, un inno alla vita, una riaffermazione della supremazia dei valori dello spirito, del cuore, della sensibilità e del dono rispetto ai falsi valori che l'odierna società relativistica tenta di inculcarci, omologandoci in una realtà individualista ed egoista.