Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Festival del Coraggio

Incontri, presentazioni e spettacoli teatrali
36050
Cervignano del Friuli

09/10 e fino al 11/10

9 OTTOBRE

Ad aprire il programma, in collaborazione con il CSS Teatro stabile di innovazione del Fvg, sarà venerdì 9 ottobre alle 17.30 in Piazza Indipendenza, il collettivo Kepler-452 con lo spettacolo audioguidato Lapsus Urbano, il primo giorno possibile. Performance concepita nei giorni in cui il «fuori» sembrava un luogo lontano, nel momento più cupo delle restrizioni alla mobilità, alla socialità e al lavoro, quando la routine delle nostre vite veniva squassata e ribaltata dalle fondamenta. Gli spettatori saranno chiamati a misurare il loro presente con il futuro immaginato dagli autori, a reagire alle domande poste nelle cuffie, a guardarsi in faccia, a contarsi, a prendere posizione o a emozionarsi di fronte all’evocazione del mondo utopico del dopo epidemia. Lo spettacolo è pensato per un pubblico di massimo 30 persone e con obbligo di prenotazione (al numero 351 0173867 | info@festivaldelcoraggio.it). Lo spettacolo audioguidato Lapsus Urbano, il primo giorno possibile sarà ripetuto anche sabato 10 ottobre alle 19 e domenica 11 ottobre alle 15.

Sempre venerdì 9 ottobre, in un evento co-organizzato con il CSS Teatro stabile di innovazione del Fvg, alle 21 al Teatro Pasolini andrà in scena lo spettacolo teatrale Porto a porto di e con Marina Senesi, attrice e voce conosciuta al pubblico di Rai Radio 2 per il lungo sodalizio con Caterpillar. Sarà un viaggio attraverso l’Italia in cui la Senesi si imbarca ardimentosa su una barchetta e circumnaviga lo Stivale, ficcando il naso nei segreti dei fondali, delle coste, degli approdi. Esperta navigante dell’immaginario, ne riporta voci vere e questioni molto urgenti sui temi dell’ambiente, dell’inquinamento, delle migrazioni in un viaggio comico-surreale ma non solo, lungo le sponde del presunto Belpaese. Lo spettacolo, prodotto da Nidodiragno, vede la collaborazione ai testi di Cinzia Poli, il progetto di regia di Cristina Pezzoli e le musiche originali della Banda Osiris.

 

10 OTTOBRE

Sabato 10 ottobre le occasioni per incrociare storie coraggiose inizieranno a partire dalle 11. Al Teatro Pasolini, Pierpaolo Mittica, uno dei più apprezzati fotografi sociali d’Italia, in un dialogo con Daniele Zongaro, racconterà attraverso le sue fotografie apparse sui giornali di tutto il mondo qual è il senso profondo di documentare un’apocalisse e che cosa significa attraversare Chernobyl e Fukushima.

Alle 15, il cortile della Biblioteca “Giuseppe Zigaina”, grazie alla forza di Rodari, si trasformerà in un’officina narrativa, in cui i bambini riceveranno un kit creativo e un nastro arancione: basterà un gesto per ri-legarsi e cominciare a raccontare insieme. L’attività legata al progetto “Un libro Lungo Un Giorno – 100 cortili per Rodari!” a cura di LeggiAMO 0-18, ideata e condotta da Damatrà sarà rivolta a un massimo di 50 partecipanti fra bambini, a partire dai 5 anni, e adulti (In caso di maltempo: interno della Biblioteca).

Alle 17, al Teatro Pasolini, si inaugurerà la terza edizione del Festival del Coraggio con gli interventi del sindaco Gianluigi Savino, dell’assessora alla cultura Alessia Zambon e del direttore artistico Mauro Daltin. A seguire ci sarà l’incontro con Franco Pugliese che, in un dialogo con Paolo Felice, racconterà la testimonianza diretta di un uomo con il doppio ruolo di medico e paziente, di direttore del dipartimento di sicurezza Ausl di Piacenza, medico in prima linea durante i giorni più difficili della pandemia, e di ammalato grave di Covid 19. Sarà un incontro in cui scandagliare la grammatica della sofferenza e della speranza e il coraggio di combattere contro un male oscuro.

Alle 19, in piazza Indipendenza, secondo appuntamento con lo spettacolo audioguidato Lapsus Urbano. Il primo giorno possibile. Alle 21, al Teatro PasoliniCorrado Augias aiuterà a rendere più comprensibile e meno ansioso l’orizzonte degli eventi, provando a decifrare il presente confuso in cui sono incessanti, e talvolta allarmanti, le innovazioni scientifiche e tecnologiche e i cambiamenti politici, sociali e culturali. Dialogherà con lui Marta Perego.

 

11 OTTOBRE

L’ultima giornata del Festival si aprirà alle 11 al Teatro Pasolini con l’incontro tra Alessandra Ballerini e Marina Lalović, evento che vede la collaborazione con la Cooperativa sociale Itaca. Un’avvocata civilista specializzata in diritti umani e immigrazione (è la legale della famiglia di Giulio Regeni) dialoga con la giornalista di Radio 3 Mondo su quanto sia importante stare dalla parte di chi subisce un torto. È una scelta di campo, una visione del mondo, un’idea di società. È anche una battaglia sulla giustizia, su una legge giusta e etica, sul carcere come luogo di dignità, sulla difesa delle donne dalla violenza e dai soprusi.

Alle 15, in piazza Indipendenza, terzo e ultimo appuntamento con lo spettacolo audioguidato Lapsus Urbano. Il primo giorno possibile.

Alle 17, al Teatro Pasolini, uno dei massimi psicoterapeuti italiani, Domenico Barrilà accompagnerà il pubblico in una lectio socialis in cui chiederci se nel 2020 mettere al mondo un figlio sia diventato un atto di coraggio o resti ancora una spinta degli istinti naturali, se costruire una famiglia, ascoltare e osservare, incontrarsi “in presenza” siano diventati atti rivoluzionari in questa epoca tecnologica con le generazioni più giovani iperconnesse.

Alle 21, al Teatro Pasolini, Rita Marcotulli, una delle più grandi pianiste e musiciste jazz italiane, si racconta in un incontro intimo che mescola parole e musica. Definita “la signora del jazz Italiano” ha collaborato con i più grandi musicisti al mondo, con attori e registi, ha calcato i palchi più prestigiosi e scritto le musiche per film di successo. Un dialogo con Paolo Patui che si muoverà tra autobiografia e aneddoti su un genere che dalle sue origini porta con sé una vocazione di riscatto e dignità. Evento in collaborazione con l’Associazione culturale Euritmica.

 

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria al numero 351 0173867 o all’indirizzo mail info@festivaldelcoraggio.it. Ogni persona può prenotare un altro posto oltre al proprio. In osservanza alle misure di sicurezza e di tracciabilità per la prevenzione e il contenimento della diffusione del Covid 19 previste dalle normative nazionali e regionali, si chiede al pubblico di arrivare sul luogo dell’evento almeno 30’ prima dell’inizio. Eventuali variazioni del programma vengono comunicate sul sito www.festivaldelcoraggio.it.