Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Emporio Extinct

Installazione pittorico-oggettuale di Salvatore Puddu
18125
Ronchi dei Legionari
piazza Francesco Giuseppe I
Barchessa di Villa Vicentini Miniussi
04/03 e fino al 23/04
lun/mar/gio/ven 17-19, mercoledì/sabato 10-12/17-19, domenica 10-12

"Emporio Extinct" , installazione pittorico-oggettuale di Salvatore Puddu apre sabato 4 marzo alle 18.30 nella Barchessa di Villa Vicentini Miniussi a Ronchi dei Legionari - piazzetta Francesco Giuseppe I - "Arte e Territorio", ciclo di esposizioni dedicato all'arte contemporanea organizzato dall'associazione culturale  Leali delle Notizie.

"È la prima di un ciclo che vuole dare risalto all'arte contemporanea e agli artisti che operano sul territorio”, spiega il presidente dell'associazione Luca Perrino.

L'esposizione sarà aperta con ingresso libero fino al 23 aprile con i seguenti orari: lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 17 alle 19, mercoledì e sabato dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 infine domenica dalle 10 alle 12.

Puddu è nato a Gorizia nel 1954. Diplomatosi all’Istituto Statale d’Arte di Gorizia sotto la guida di Piazza e Mocchiutti, vive e lavora a Ronchi dei Legionari. Si è specializzato nelle tecniche calcografiche e ha approfondito in particolar modo la serigrafia. Attualmente è impegnato in opere di grande formato, realizzate con l’accostamento modulare di più tele. Dopo un prolifico ciclo di dipinti e grafiche dedicato alla Terra, la ricerca pittorica si è indirizzata verso lo spazio infinito, il cosmo. Progetto ccompagnato da una crescita spirituale dell’artista che passa attraverso un lavoro di introspezione individuale, utile per cercare le risposte che non si trovano nell’ambito esterno in cui vive.

Quest'anno l'artista festeggia i 40 di attività nella quale si annoverano mostre personali e collettive in Italia e all'estero.

Margherita Reguitti