Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Dedica a Hisham Matar

Appuntamenti online per il festival dedicato allo scrittore di origine libica
36870
Pordenone

Evento online
21/11 e fino al 24/11

È fissata per sabato 21 novembre alle 16.30 l’inaugurazione del festival – il cui programma è stato predisposto dal direttore artistico Claudio Cattaruzza – con l’intervista di Benedetta Tobagi a Hisham Matar, scrittore di origine libica (oggi cittadino inglese), vincitore del premio Pulitzer 2017 con “Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro”, racconto del suo ritorno in patria, dopo un esilio durato più di trent’anni, e della ricerca del padre Jaballa, imprigionato e fatto sparire dal regime di Gheddafi, di cui era strenuo oppositore.

Un altro dei suoi romanzi best-seller, “Anatomia di una scomparsa”, sarà al centro della lettura scenica creata e interpretata da Mario Perrotta, sempre al San Francesco, diffusa online ancora nella serata di sabato, alle ore 21. Si prosegue domenica 22 novembre alle 16.30 con “Io Khaled vendo uomini e sono innocente”, conversazione con la giornalista Francesca Mannocchi, da anni “sul campo” in Libia e in altre zone di conflitto, condotta da Alessandro Mezzena Lona. Lunedi 23 alle 21 sarà ancora Hisham Matar, collegato dalla sua casa di Londra, a parlare dell’ultimo suo libro “Un punto di approdo”, incontro con la città di Siena e i maestri della pittura medievale, una delle sue grandi passioni (il titolo originale è infatti “A month in Siena”, 2020), qui condivisa con lo storico dell’arte Fulvio Dell’Agnese. Infine martedì 24 novembre sempre alle 21 “Il gioco del Risiko e la Libia”, un viaggio nella geopolitica del Mediterraneo guidato da Francesco Strazzari, docente alla Scuola Sant’Anna di Pisa ed esperto internazionale, con Cristiano Riva.