Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Castellieri Preistorici, dove quando e perché

26686
Disegno di Andrea "Lupo" Tonsig
Ronchi dei Legionari
Selz
Centro visite di Pietrarossa
21/09/18
18

L'Associazione Monfalconese di Mutuo Soccorso e l'Associazione Micologica Bresadola organizzano per venerdì 21 settembre alle ore 18, presso il centro visite del Lago di Pietrarossa, una conferenza dal titolo “Castellieri Preistorici, dove quando e perché”: la relatrice sarà l'archeologa dottoressa Susi Corazza referente tecnico del laboratorio di preistoria e protostoria del dipartimento di studi umanistici e del patrimonio culturale dell'Università degli studi di Udine.

Per chi fosse incuriosito e volesse approfondire, in questo incontro si parlerà dei castellieri che si svilupparono in Istria nell'età del bronzo medio per espandersi successivamente in Friuli (Cjastelîr in friulano), Venezia Giulia, Dalmazia, Veneto e zone limitrofe, e che durarono oltre un millennio (dal XV al III secolo a.C. circa) per terminare solo con la conquista romana. I castellieri erano borghi fortificati che sorsero un po' ovunque nella zona di diffusione, generalmente situati su montagne e colli e più raramente anche in pianura come nel Friuli sud-orientale.

Erano costituiti da una o più cinte murarie concentriche, dalla forma circolare, ellittica (Istria e Venezia Giulia), o quadrangolare (Friuli), all'interno delle quali si sviluppava l'abitato. Va rilevato che lo spessore delle mura poteva raggiungere anche i quattro o i cinque metri, mentre per quanto riguarda l'altezza questa era generalmente compresa fra i cinque e i sette metri. Erano dunque delle cinte piuttosto massicce il cui perimetro poteva misurare anche due o tre chilometri. Per arrivare al Centro Visite da Ronchi dei Legionari si prosegue verso la frazione di Selz e seguendo la strada che passa accanto al galoppatoio si prosegue oltre il sottopassaggio dell'autostrada. 

Livio Nonis