Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

C’est la vie

A Pordenone uno sguardo tenero e dissacrante sulla condizione umana di caducità
28318
Pordenone

Ex Convento di San Francesco
12/02/19
21

Le compagnie Artivarti (Italia) e Compagnie Ad Hoc (Francia) presentano C’est la vie, con Max Bazzana, Martina Boldarin, Benoit Roland, Stefano Rota. Regia di Matteo Destro da un’idea di Lara Tonello.

“Non è che ho paura di morire, solo che non voglio esserci quando accadrà” – diceva un personaggio di Woody Allen... Ma se invece immaginiamo di esserci, da svegli e vegeti!?! Il tempo ha giocato uno scherzo beffardo ad Armando, Gisella e Albert: improvvisamente l’aldilà diventa l’aldiquà, la morte ha scambiato il ruolo con la vita... In un crescendo di situazioni romanzesche ed esilaranti i nostri eroi si trovano faccia a faccia con lo Sconosciuto più sconosciuto... E noi con loro!

Lo spettacolo è uno sguardo tenero e dissacrante sulla condizione umana di caducità. Una celebrazione dell’aldiquà e dell’aldilà come le due facce dello stesso mistero, in mezzo a nostalgie, paure, sogni mai realizzati... Voltando la tragedia in sorriso, l’assurdo in sentimento.

 

LA COMPAGNIA

Artivarti nasce a Portogruaro nel 2012 come progetto appassionato per la produzione di spettacoli a sfondo sociale e civile, per la formazione di ragazzi e giovani, per la promozione culturale attraverso rassegne teatrali e musicali. Compagnie Ad Hoc di Clermont-Ferrand è specializzata in produzioni per giovani con un cocktail di linguaggi che la critica specializzata ha definito “sorprendente e benefico”.