Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Live music

Antoine Boyer

Concerto del giovane chitarrista prodigio francese
32789
Antoine Boyer (© Antje Kroeger)
Pasian di Prato

Auditorium Venier
22/02/20
21
gratuito

Nell'ambito della seconda edizione della stagione concertistica “Note di spezie. Tutti i Sapori della Musica” con la direzione artistica di Chiara Vidoni, la International Community Music Academy (ICMA) del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico continua la collaborazione artistica con la Scuola di Musica di Passons, diretta dal M.o Andrea Picogna.

Frutto di questo prezioso connubio (il primo del nuovo anno) è il concerto atteso per sabato 22 febbraio, alle 21, nell'Auditorium E. Venier di Pasian di Prato a ingresso libero. A esibirsi sarà Antoine Boyer prodigioso chitarrista, giovane rivelazione francese e acclamato interprete dello scenario jazz-manouche. Alla realizzazione della serata contribuiscono anche il Comune di Pasian di Prato e il progetto Cultura Nuova.

Antoine Boyer presenterà in concerto il suo nuovo disco da solista "Caméléon Waltz", e sarà accompagnato sul palcoscenico dai musicisti friulani, note firme dello scenario jazz e d'autore, Alessandro Turchet (contrabbasso) e Matteo Sgobino (chitarra e voce).

Boyer sarà anche docente protagonista di una Masterclass (ore 15-18) presso la Scuola di Musica di Passons, lo stesso 22 febbraio (info e scrizioni: www.bandapassons.itinfo@bandapassons.it).


Lontano da qualsiasi costrizione che lo cataloghi univocamente come artista jazz-manouche, con Boyer stiamo assistendo all'emergere di un grande virtuoso che supera ogni confine, un chitarrista che costruisce il suo personale universo sonoro combinando un'inventiva, una serenità espressiva e una forza interiore letteralmente impressionanti per la sua età. Così la rivista "Djangostation" diceva di Boyer ancora adolescente.

Discepolo, tra gli altri, di Mandino Reinhardt e Francis-Alfred Moerman, con i quali ha registrato il suo primo lavoro nel 2009, Antoine è acclamato dalla critica francese e americana (Jazzman, Vintage Guitars) e ha suonato all'Angers Gypsy Swing, al Django Reinhardt Festival di Samois e a tutti i migliori Gipsy Festival del mondo. Il secondo cd di Antoine Boyer, "Leské" ("per lui", in lingua Sinti) ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il "Bravo" di Trad' Mag. "Sita", il terzo lavoro discografico, ha ottenuto il premio "Revelation" dalla rivista Jazzman e l'artista è stato scelto come "Revelation 2012" dalla rivista Guitarist Acoustic (primo chitarrista Gispy a ricevere questo riconoscimento). Altri premi si sono susseguiti: "Montigny Classical Guitar Contest 2015", "Révélation Guitare Classique 2016", "European Guitar Award" a Dresda con Samuelito, suo frequente compagno di palcoscenico, anche del recente tour tra USA e Canada. Boyer ha suonato e suona con artisti del calibro di Philip Catherine, Angelo Debarre, Stochelo Rosenberg, Christian Escoudé, Raphael Faÿs, Tim Kliphuis, Jon Larsen, Adrien Moignard, Robin Nolan e Paulus Schäfer.

 

Proposta dalla International Community Music Academy (ICMA), scuola di musica inserita nel contesto del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico, la 2a edizione della stagione artistico-musicale “Note di Spezie. Tutti i Sapori della Musica”, continua fino a marzo 2020 con una serie di appuntamenti (ancora tre in calendario) tra Trieste e il Friuli, coinvolgendo anche la vicina comunità slovena. Sotto la direzione artistica di Chiara Vidoni, "Note di Spezie" esplora il mondo musicale con l’intento di celebrare le differenze attraverso la condivisione tra culture.

Sapori, colori, intensità sono caratteristiche comuni sia alla musica che alle spezie. La musica come le spezie, inoltre, ha origini, generi e gusti diversi e “Note di Spezie” ben li rappresenta, con le diversità musicali di genere, di struttura, di linguaggio che propone. Alcuni appuntamenti saranno specificatamente dedicati a evocare il rapporto tra Leornardo da Vinci e la musica nel cinquecentesimo anniversario della sua scomparsa.

La stagione "Note di Spezie" è finanziata dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e realizzata in partnership con Mondo 2000, Comune di Duino-Aurisina/ Devin Nabrežina, Comune di Bertiolo, Associazione Culturale Musicale di Bertiolo "Filarmonica la prime lûs 1812”, Associazione “Scuola per giovani musicisti” con il progetto ESYO, Associazione Culturale Musicale Euritmia, Gruppo Folkloristico di Passons, New Virtuosi, Liceo Scientifico Statale "France Prešeren"; in collaborazione con Fazioli Pianoforti, rivista q.b., Chiesa di San Cristoforo (UD), Museo Revoltella di Trieste, Comune di Campolonghetto.