Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

AreaDanza

Doppio spettacolo tra Venzone e Palmanova
35286
(© Benedetta Folena)
Palmanova
Piazza Grande
02/08/20

“AreaDanza_urban dance festival”, organizzato dalla compagnia di danza contemporanea Arearea (partner della rete Intersezioni), si sposta a Venzone e a Palmanova.

I due Borghi faranno da cornice al primo capitolo di una trilogia sulla musica della contestazione: “Noi siamo il Tricheco…”, coreografato da Roberto Cocconi, direttore artistico del festival insieme a Marta Bevilacqua. Lo spettacolo indaga il fenomeno della psichedelia nella musica rock degli anni ‘60 e di come questa abbia influenzato e accompagnato le esistenze dei giovani dell’epoca. I danzatori (Mattia Cason, Irene Ferrara, Angelica Margherita, Gioia Martinelli, Daniele Palmeri, Marco Pericoli, Andrea Rizzo, Carolina Alessandra Valentini) si esibiranno in piazza Municipio, nel borgo fortificato trecentesco, alle 18 del primo agosto. Il giorno seguente, alle 20, nella maestosa piazza Grande, simbolo della città stellata.

BACH TO DANCE” - In quelle stesse location, sempre l’1 e il 2 agosto, un’ora più tardi, andrà in scena un altro appuntamento firmato dalla Compagnia friulana per la decima edizione del festival, “Bach to dance”(ore 19 a Venzone, ore 21 a Palmanova): “un’incursione danzante” che vedrà protagonisti i professionisti di Arearea (si esibiranno Marta Bevilacqua, Valentina Saggin, Anna Savanelli - anche coreografe -, Luisa Amprimo, Ester Bonato, Mattia Cason, Roberto Cocconi, Irene Ferrara, Angelica Margherita, Gioia Martinelli, Daniele Palmeri, Marco Pericoli, Andrea Rizzo, Nicol Soravito, Carolina Alessandra Valentini, Luca Zampar). A debita distanza, gli artisti occuperanno gli spazi urbani in un gesto di libertà e trasgressione che avrà l’obiettivo di facilitare lo spettatore a un approccio più emotivo e più intimo tra le architetture di spazi e corpi.

EVENTI PER LE FAMIGLIE - Ad anticipare questi appuntamenti del festival – che gode del sostegno dalla Regione Fvg e di MiBACT – ci saranno degli eventi dedicati alle famiglie: a Venzone, alle 17, “La strega dell'acqua e il bambino di ciccia”, produzione di Ortoteatro a ingresso gratuito; a Palmanova, invece, grandi e piccini potranno assistere a “C'era una volta un bambino” (dalle 19), produzione di CTA di Gorizia, sempre a ingresso libero.

A PALMANOVA PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA – Per tutti gli spettacoli in programma Palmanova l’ingresso sarà gratuito ma con prenotazione obbligatoria. Per lo spettacolo “C'era una volta un bambino” (ingresso da Contrada Savorgnan) è sufficiente cliccare qui . Per "Noi siamo il tricheco..." e "Bach to dance" qui.