Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

La guerra dei Roses

In FVG le vicende della lenta e terribile separazione di Barbara e Oliver Rose
27930
(ph. Andrea Ciccalè)
Tolmezzo
via XXV Aprile
Teatro Candoni
12/01/19
20.45

Ambra Angiolini e Matteo Cremon vestiranno i panni che al cinema furono di Kathleen Turner e Michael Douglas ne La guerra dei Roses.  L’adattamento teatrale del romanzo di Warren Adler che diede origine anche al lungometraggio del 1989 vedrà la regia di Filippo Dini, completano il cast Massimo Cagnina e Emanuela Guaiana.

Come detto, La guerra dei Roses è un romanzo del 1981, divenuto otto anni più tardi un enorme successo cinematografico grazie alla regia di Danny De Vito e all’interpretazione di due stelle come Kathleen Turner e Micheal Douglas. L’autore del romanzo in seguito decide in seguito di adattare questa vicenda anche per il teatro, creando una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso, comica e crudele, ridicola e folle, che trova forse sulle assi del palcoscenico la sua dimensione ideale, per la sua potenza espressiva e la sua dimensione onirica.
La storia narra della lenta e terribile separazione tra i coniugi Rose: Oliver, ricco e ambizioso uomo d’affari, e Barbara, moglie obbediente, ma mai dimessa, che lo ha accompagnato nella sua brillante ascesa, con amore, stima profonda e un pizzico di fascinazione per le piccole e grandi comodità che la loro vita quotidiana poteva offrire.

L’idillio iniziale si rompe poco dopo l’inizio della commedia, infrangendosi contro lo scoglio della mancata realizzazione professionale di lei. Tutta la vita passata assieme viene così completamente riscritta e reinterpretata da Barbara; la sua nuova presa di coscienza la rafforza e la sprona, con una ferocia degna di una grande eroina, a scagliarsi sull’ormai ex-amato, ora visto come il responsabile della sua mancata affermazione, in un crescendo di cattiveria, rabbia e reciproche atrocità, fino alle estreme conseguenze.