Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Viktor und Viktoria

La doppia veste di Veronica Pivetti porta a Cervignano la Berlino anni '30
24281
(ph. css udine)
Trieste
via del Ghirlandaio 12
Teatro Bobbio
13/04 e fino al 16/04
20.30 (domenica ore 16.30)

La commedia con musiche sarà  un’occasione unica  per vedere la popolare attrice alle prese con un’avvincente sfida interpretativa: il doppio ruolo dell’androgina  Viktoria e del suo alter ego “en travesti” Viktor, protagonisti di un intreccio ambientato nella Berlino Anni 30 reso memorabile sul grande schermo da un’affascinante Julie Christie diretta da Blake Edwards, già raccontato però anche in una pellicola del 1933 dal regista tedesco Reinhold Schünzel.

È a questa versione che si rifà Giovanna Gra, drammaturga dello spettacolo diretto da Emanuele Gamba per la produzione di A.A. Artisti Associati e Pigra e che vede in scena, come co-protagonista, Giorgio Lupano, un altro attore che si divide felicemente fra teatro e cinema, assieme a Yari Gugliucci, Pia Engleberth, Roberta Cartocci, Nicola Sorrenti. Le musiche originali e gli arrangiamenti sono Maurizio Abeni,  scene di Alessandro Chiti,  luci di Alessandro Verazzi, costumi Valter Azzini.

In una città stordita prima dai fasti e poi dalla miseria della repubblica di Weimar, un’attrice di provincia, Susanne Weber (Veronica Pivetti), approda in città spinta dalla fame e in cerca di scrittura.

L’incontro con un collega attore, Vito Esposito (Yari Gugliucci) immigrato italiano, sembra cambiarle la vita. E mentre la città subisce gli umori delle nascenti forze nazionalsocialiste di Hitler, Susanne e Vito s’immergono negli eccessi della vita notturna. La coppia condivide fame, scene e battute e, alla fine, anche sesso ed identità.

Ed è proprio per l’affamata ditta che Susanne si sacrifica e diventa Viktor und Viktoria, cioè un acclamato ed affascinante en travesti presto acclamato in tutti i palcoscenici d’Europa.

Una brillante compagnia capitanata dalla caustica Baronessa Ellinor Von Punkertin, in cui spiccano Lilli Shultz, buffa e biondissima ballerina di fila di cui Vito è innamorato, e un attrezzista dai modi bruschi e obliqui, Gerhardt, miete successi ovunque. Ma, tornati a casa per l’ultima recita, un incontro fatale con il fascinoso conte Frederich Von Stein sfiorerà il cuore gelato di Susanne. Purtroppo, anche il conte ha un segreto e la liaison si complica.  E, mentre a Berlino la situazione politica degenera precipitosamente, la nostra protagonista sarà costretta a fare le sue scelte: sentimentali e di vita, stando attenta a non tradire mai Vito, l’amico inseparabile, né il conte, ormai padrone del suo cuore. Riuscirà Susanne/Viktor ad abbandonarsi fra le braccia del suo inaspettato amore senza che la scelta le risulti fatale? Sullo sfondo di una Berlino anni trenta, una spassosa Veronica Pivetti ci racconta una storia piena di qui pro quo, cambi di sesso, di persona e di intrecci sentimentali senza esclusione di colpi.