Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Teatro a Leggio

21576
Monfalcone
via Ceriani 10
Biblioteca comunale
04/12/17
18

La biblioteca comunale di Monfalcone e il Teatro della Stropula organizzano il secondo ciclo di incontri di Teatro a Leggio, che avranno luogo sempre alle ore 18 presso la sala conferenze della biblioteca comunale di via Ceriani 10 a Monfalcone.

Primo appuntamento lunedì 2 ottobre con “Giacomo Leopardi e la Grande muraglia” di Claudio Grisancich, un omaggio al grande poeta italiano attraverso una particolare e suggestiva riflessione sulla sua esistenza e sulla sua condizione umana, nella ricorrenza del 180° anniversario della morte.

Claudio Grisancich (1939), è uno dei maggiori poeti triestini viventi. È autore di testi teatrali, sceneggiati radiofonici e opere in versi, sia in dialetto che in italiano. Vincitore del Premio Biagio Marin (2011) e del Premio Giovanni Pascoli (2012), collabora con la RAI e con alcune emittenti radiofoniche. Nel 2000 il Comune di Trieste gli ha conferito il Sigillo Trecentesco della città.

In scena Luciano Barbieri, Beniamino La Rocca e Franco Ongaro. Musiche di Stefano Berka. Tecnici video-luci: Silvio Trevisan e Annalisa Delneri.

Da Venezia a Neva Yorka… passando per Gorizia. Memorie di Lorenzo da Ponte” di Alessandro Rocco andrà invece in scena lunedì 6 novembre. Il pubblico potrà conoscere, con una storia fra il vero e il romanzato, la vita del celebre poeta e librettista  Lorenzo da Ponte, autore per Mozart dei libretti di Le nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte. Pochi sanno che egli soggiornò a Gorizia per quasi due anni prima di tresferirsi a Dresda e a Vienna. Il testo è scritto in dialetto veneto di inizi Ottocento.

Alessandro Rocco, medico nefrologo, è nato a Gorizia nel 1947. Appassionato di storia, letteratura, poesia e scrittura è autore del romanzo “Lorenzo da Ponte ed il mistero di Idria” (rielaborazione fantastica del soggiorno del librettista di Mozart nella contea di Gorizia) per il quale ha ricevuto un riconoscimento speciale nell’edizione 2007 del Premio Casanova. Nel 2009 ha vinto il Premio Letterario Carlo Ulcigrai di Trieste e nel 2011 è entrato nella cinquina dei finalisti del Premio Carabinieri in Giallo. È autore di numerosi racconti in cui mescola la realtà storica con vicende immaginarie che vedono coinvolti personaggi che per qualche periodo hanno soggiornato nella nostra zona.

In scena Luciano Barbieri e Franco Ongaro. Musiche di W. A. Mozart. Tecnici audio-luci: Silvio Trevisan e Annalisa Delneri.

Il ciclo si conclude lunedì 4 dicembre con “Padre Fuchs e il tesoro di Attila” di Alessandro Rocco, un giallo ambientato negli anni ’20 del ‘900 tra le ville del Cantiere, il Carso e le Terme Romane di Monfalcone, che racconta come il bottino conquistato da Attila, in anni di razzie e ruberie, trovò una “sistemazione” tutta particolare dalle nostre parti.

In scena Luciano Barbieri, Lucia German, Beniamino La Rocca e Franco Ongaro. Musiche di R. Schumann, K. Orff, J. Strauss, R. Wagner e R. Strauss. Tecnici audio-luci: Silvio Trevisan e Annalisa Delneri.